Centrale EdipowerIl Sindaco Giovanni Formica ha trasmesso al Ministero dell’Ambiente le osservazioni relative al progetto riguardante l’impianto di valorizzazione energetica di CSS presentato dalla società Edipower per la Centrale di Archi. Nella corposa documentazione, ben 39 pagine, si fa presente che tale studio è stato commissionato assieme ad altri Comuni del comprensorio (Condrò, Furnari, Merì, Monforte San Giorgio, Roccavaldina, San Pier Niceto, Santa Lucia del Mela, Saponara, Venetico) alla società Airis di Bologna e curato da un gruppo di lavoro coordinato dal dottor Salvatore Giordano e composto da Fabrizio Bianchi, Marco Stevanin e Giulia Baldissera. Tale società dopo una serie di analisi critiche su diversi aspetti della proposta progettuale di Edipower, giunge a conclusioni tali da indurre gli amministratori a chiedere al Ministero il rigetto dello studio d’impatto ambientale presentato dalla società, che gestisce la Centrale Edipower e di chiudere la procedura di valutazione d’impatto ambientale con pronuncia negativa di compatibilità ambientale dell’opera. Ecco le conclusioni dell’Airis: “Alla luce di tutte le osservazioni esposte relative ai diversi quadri di riferimento costituenti lo studio di impatto ambientale del progetto relativo all’impianto di valorizzazione energetica del CSS nella Centrale Termoelettrica di San Filippo del Mela (ME), si ritiene che il S.I.A. (Studio impatto ambientale) sia stato elaborato in modo assolutamente lacunoso, tralasciando dati fondamentali per la conoscenza degli impatti sulla matrice aria e sulla salute umana. Mancano inoltre i presupposti di base per verificare la sostenibilità nel contesto territoriale di un impianto, di cui non e stato adeguatamente studiato il bacino d’approvvigionamento della materia prima principale, il CSS, per il quale si chiede il rigetto dello studio ambientale stesso”.

Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− tre = 3