Novecento2Si terrà alle 18:00 domenica 25 gennaio al Teatro Trifilietti di Milazzo lo spettacolo “Novecento”, organizzato dalle associazione culturale “Le Alte Terre di Mezzo” nell’ambito della rassegna teatrale QuiNteatro, diretta dal regista Giuseppe Pollicina. Ivan Bertolami sarà il protagonista della piéce, insieme ai musicisti Antonio Vasta (pianoforte e fisarmonica), Carmelo Imbesi e Carmen Zangarà (chitarre classiche) e Giuseppe De Luca (clarinetto).

La regia è dello stesso Bertolami, che presenterà il capolavoro di Alessandro Baricco rispettandone la scrittura originale, ma in chiave personale, fresca e riflessiva. Il protagonista è il trombettista Tim Tooney, che con un velo di malinconia racconta la sua splendida amicizia con Danny Boodman T.D. Lemon Novecento, il più grande pianista, che abbia mai suonato sull’Oceano: “Lo era davvero, il più grande. – sostiene il protagonista – Noi suonavamo musica, lui era qualcosa di diverso. Lui suonava (…) Non esisteva quella roba, prima che la suonasse, okay? Non c’era da nessuna parte. Quando lui si alzava dal piano, non c’era più (…) e non c’era per sempre”. La piéce mette in evidenza vari aspetti, fra cui il tema dell’immigrazione di ieri, quando eravamo noi italiani ad emigrare, e quella di oggi dove siamo noi quelli che accogliamo. “Sottolinea, soprattutto – afferma Bertolami – la voglia di fermarci davanti aqualcosa di più grande di noi come la terraferma, che può sembrare affascinante, ma alle volte sa essere più ingovernabile di un transatlantico in mezzo alla burrasca”.

La messa in scena è scandita da un ensemble musicale di tutto rispetto, che esegue musiche originali, conducendo lo spettatore nel magico mondo delle sale da ballo dei piroscafi anni ‘30 che facevano sponda dall’Europa all’America. “Suonavano perchè l’Oceano è grande e fa paura, suonavano perchè la gente non sentisse passare il tempo, e si dimenticasse dov’era e chi era. Suonavamo per farli ballare, perché se balli non puoi morire, e ti senti Dio e suonavamo il ragtime, perché è la musica su cui Dio balla, quando nessuno lo vede”. Uno spettacolo coinvolgente e d’impatto, che condurrà lo spettatore a riflettere sulla storia dell’emigrazione italiana. La performance di Ivan Bertolami sarà accompagnata dalle giovani eccellenze nostrane, note a livello nazionale quali Antonio Vasta, Carmelo Imbesi, Carmen Zangarà e Giuseppe De Luca.

Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 − = tre