sindaco-formicaIl Sindaco Giovanni Formica, richiamando il Decreto Presidenza Consiglio Ministri del 4 marzo 2020, invita i cittadini ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni in essa contenute ed in particolare a: lavarsi spesso le mani; evitare il contatto ravvicinato con persone sofferenti di infezioni respiratorie acute; non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; coprirsi bocca e naso, se si stranutisce o tossisce; non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico; pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate.

Ricorda anche i comportamenti da tenersi per quanti rientrano a Milazzo dal Nord Italia. In particolare: per coloro che provengono dalle aree del Nord Italia non rientranti nelle zone rosse, si distinguono due tipologie di casi: gli asintomatici, che non hanno avuto contatti significativi con persone a rischio (per essere considerato contatto significativo non basta essere stati su un vagone ferroviario o in un centro commerciale) non vengono presi in carico; per coloro, che accusano invece stati febbrili o altre sintomatologie, viene attivata la sorveglianza sanitaria passiva, cioè il soggetto dovrà prendere contatti con la propria ASL di competenza, comunicare i propri dati e successivamente informare la stessa ASL di eventuali improvvisi peggioramenti. Per coloro – sempre asintomatici – che hanno avuto invece contatti significativi con persone provenienti dalle zone rosse (o che siano partiti dalle zone rosse prima del divieto di lasciare le stesse aree), c’è l’obbligo dell’isolamento fiduciario domiciliare con sorveglianza sanitaria attiva, cioè sarà la ASL a contattare, a intervalli regolari, il soggetto e verificare eventuali mutamenti del quadro clinico.

Su queste categorie di soggetti non viene eseguito il test per il Covid-19, a meno d’un mutamento significativo del quadro clinico. Per tutti gli altri casi, restano ferme le indicazioni già introdotte nei giorni scorsi, ossia il non recarsi autonomamente nei Pronto Soccorso (per evitare la potenziale diffusione di un eventuale contagio), ma rivolgersi sempre prima telefonicamente al proprio medico di famiglia o alle guardie mediche, che attueranno un triage telefonico e solo eventualmente attiveranno il Protocollo di presa in carico ospedaliera, che verrà gestito dal 118 in sicurezza. “Pur comprendendo il disagio – afferma il Sindaco – si invita la cittadinanza, che ringrazio per la collaborazione, ad adoperarsi affinché queste misure straordinarie risultino il più efficace possibile”. Per contribuire alla limitazione della diffusione del Coronavirus, il Comune di Milazzo ha ritenuto a partire da lunedì prossimo di sospendere il ricevimento del pubblico negli uffici del Palazzo Municipale. I servizi all’utenza comunque continueranno ad essere assicurati.

La decisione – da ritenersi come misura esclusivamente precauzionale – è scaturita stamani nel corso di una riunione che il Sindaco Formica ha convocato su tale emergenza, con il segretario generale, dirigenti e funzionari dell’ente. Le prestazioni richieste dal cittadino ai vari settori potranno essere gestite, laddove non è possibile assicurare il riscontro on-line, attraverso la posta elettronica e le comunicazioni telefoniche.

In tal senso è stato dato incarico ai dirigenti di coordinare la predisposizione di tutto quanto necessario per poter avviare prima possibile il servizio. “Preciso subito che si tratta di un’operazione solo ed esclusivamente a scopo precauzionale, visto che al momento (e ci auguriamo, anche in futuro) non ci sono casi conclamati di contagi né in città, né nella nostra provincia. – ha spiegato Formica – Abbiamo così deciso di riorganizzare il lavoro per evitare l’affollamento eccessivo di cittadini. Nello specifico garantiremo una parte di servizi on line, come quello del rilascio della carta d’identità, la cui fase preparatoria avviene già col sistema della modulistica on-line, mentre per altri, che necessitano della presenza fisica dell’utente, si opererà tramite appuntamento. Il cittadino chiamerà un numero di telefono dedicato al determinato servizio di quel settore e l’operatore gli assegnerà l’appuntamento per ottenere la prestazione richiesta. Stesso discorso anche per il rilascio della tessera elettorale. Sottolineo anche che tali attività verranno condotte con le opportune precauzioni dai dipendenti comunali interessati, ai quali verranno applicate le misure di tutela previste, ad esempio, per le forze dell’ordine”. Privilegiare l’attività on line sarà dunque un modo per garantire la continuità delle prestazioni anche in questo momento così particolare limitando al massimo i rischi”.

Il primo cittadino infine con una propria ordinanza, preso atto dell’evolversi della situazione relativa all’emergenza Covid-19, considerata la notevole capacità di diffusione dimostrata dal virus, ha deciso di sospendere per due settimane (giovedì 12 e giovedì 19 marzo) il mercato settimanale di Ponente.

Analoga decisione riguarda il mercatino delle pulci di via Pescheria che avrebbe dovuto svolgersi nella giornata di sabato e domenica (7 e 8 e 14 e 15 marzo). “Un ulteriore intervento precauzionale – afferma Formica – alla luce dei contenuti dell’ultimo decreto del Presidente del consiglio dei ministri per cercare di minimizzare i rischi di contagio”. L’ordinanza del Sindaco dispone altresì la sospensione di tutte le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura svolti in ogni luogo, sia pubblico, sia privato che comportino affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

 

Foti Rodrigo