Il Comune intende procedere all’accreditamento di una pluralità di enti appartenenti al Terzo Settore, che implementino la filiera dei soggetti erogatori del servizio d’assistenza all’autonomia e alla comunicazione di alunni disabili, residenti nel Comune, nell’ottica della leale concorrenza, per supportare e sostenere il diritto allo studio e all’inclusione di tali soggetti. Sul sito istituzionale è stato pubblicato per l’accreditamento e l’istituzione di un Albo Comunale. Gli enti accreditati dovranno garantire l’assistenza specialistica, da svolgersi con personale qualificato ai sensi di quanto previsto dalla normativa vigente. Il servizio, sarà garantito per l’anno scolastico 2021/22 e sarà rivolto agli alunni diversamente abili in possesso dei requisiti previsti per natura o gravità dell’handicap. L’ente aggiudicatario presterà le singole prestazioni socio-assistenziali del servizio di Assistenza all’Autonomia e alla Comunicazione. L’istanza di accreditamento, redatta sull’apposito modulo disponibile presso l’ufficio dei Servizi Sociali e della Pubblica Istruzione del Comune di Milazzo e scaricabile dal sito www.comune.milazzo.me.it dovrà pervenire all’ufficio protocollo del Comune entro le 9 del 6 settembre. “Una iniziativa importante – sottolinea l’Assessore ai Servizi Sociali Simone Magistri, poiché con il sistema dell’accreditamento verrà assicurata una maggiore concorrenza tra gli operatori e soprattutto un presumibile miglioramento della qualità dei servizi erogati, grazie anche alla facoltà riconosciuta agli utenti di selezionare l’operatore cui rivolgersi per l’erogazione del servizio. Ringrazio il consiglio comunale per la condivisione di questo nuovo sistema di gestione dei servizi socio assistenziali e gli uffici per l’importante apporto fornito. In questa prima fase si è ritenuto di partire in via sperimentale con il servizio di assistenza alla comunicazione negli istituti scolastici, ma nei prossimi mesi l’intenzione è quella di estendere questo sistema agli altri servizi socio-assistenziali di pertinenza comunale e distrettuale”.

Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ uno = 6