20180913_181313Un weekend entusiasmante ci attende nell’area del centro storico messinese con l’interessante evento “Notte d’Arte”.

Sabato 15 e domenica 16 Palazzo Zanca, Galleria Vittorio Emanuele, Palazzo dei Leoni, piazza Antonello, piazza Unione Europea, Piazza Duomo e Camera di Commercio ospiteranno splendide mostre alternate da esibizioni, stage e workshop.

Nato dalla volontà dell’associazione “Impronte Messina”, mira ad enfatizzare le molteplici Onlus presenti sul territorio, coniugando divertimento, cultura e solidarietà.

Per saperne di più abbiamo intervistato Gianfranco Pistorio, organizzatore e Direttore artistico di questo nobile progetto.

Come nasce il progetto “Notte d’Arte”?

«“Notte d’Arte” nasce da un’idea dell’Associazione “Impronte” e della sua presidente Marisa Arena, di dare spazio ai vari artisti e alle varie forma d’arte in questa città di Messina. E che siano di supporto alle associazioni di volontariato e alle onlus che operano nel sociale nella città di Messina».

Si tratta della prima edizione o ci sono stati eventi precedenti negli anni scorsi?

«Questa è la prima edizione, ovviamente con i giusti presupposti e col senno di poi tenteremo di riproporla perché sicuramente che l’arte possa essere solidale con le associazioni operano nella città è una cosa bella che potrà dare soprattutto maggiore sensibilità ai vari temi che queste associazioni propongono.»

Quale tipologia di arte verrà esposta? Pittura, scultura, cos’altro?

«La scelta del nome non è stata casuale perché è arte intesa come varie forme di espressione: perciò pittura, scultura, poesia, teatro, danza, moda, spettacolo, canto… l’arte generica. Bisogna togliere questo presupposto che l’arte debba essere una questione di nicchia. Noi l’abbiamo voluta aprire a tutte le forme di espressione. Le partecipazioni sono state ovviamente ampie e da qui poi il nome “Notte d’Arte”, intesa in senso generico.»

Vi parteciperanno artisti locali o anche artisti provenienti da altre regioni?

«Parteciperanno molti artisti locali, ovviamente, ma all’appello che abbiamo lanciato qualche mese fa hanno risposto da varie parti dell’Italia. Ovviamente ognuno del suo settore: ci saranno pittori, scultori, poeti. Hanno risposto dalla Sicilia, ma pure da altre regioni dell’Italia e questa è una cosa bella perché hanno capito il messaggio che noi fondamentalmente volevamo dare a questa città con questa iniziativa.» –

Ci sono vari ospiti in diverse location della città. È stato difficile organizzare l’evento oppure vi sono state delle adesioni spontanee?

«L’organizzazione dell’evento è una cosa, le adesioni sono un’altra. Sull’organizzazione dell’evento sicuramente c’è stata molta passione da questo punto di vista e ne siamo contenti. Sulle richieste per partecipare a questa manifestazione non abbiamo avuto nessun problema, perché come detto poco fa è un’idea che è piaciuta, soprattutto ai vari artisti.»

Si aspetta una cospicua partecipazione da parte della cittadinanza?

«La cittadinanza secondo me risponderà bene. Questo è un grosso evento, sette location: saremo qui a piazza Duomo, piazza Municipio, Palazzo Zanca, Palazzo dei Leoni, Camera di Commercio, Piazza Antonello, Galleria Vittorio Emanuele. Perciò sono sicuro che la cittadinanza capirà e risponderà positivamente.»

Cosa si propone di ottenere con questa manifestazione, una maggiore sensibilizzazione dei cittadini?

«Si, una maggiore sensibilizzazione su due temi importanti. Uno è l’arte e la cultura, perché questa è una grande città millenaria perciò dobbiamo capire e fare capire quali sono le nostre radici e non abbiamo nulla di meno rispetto a tante altre città italiane. E poi una maggiore sensibilizzazione proprio sui temi sociali.» –

Di cosa si occupano principalmente le Onlus presenti all’evento?

«Le tre associazioni che sono state scelte sono state la CCSVI Sclerosi Multipla per la Sicilia, che si occupa ovviamente di sclerosi multipla, un tema a me molto caro in quanto tutti sanno che io sono affetto da sclerosi multipla, oltre ad essere il presidente regionale di quest’ente. E perciò i nostri interessi sono indubbiamente sull’informazione, sulle varie metodologie di cura, sull’assistenza ai malati di sclerosi multipla. Poi abbiamo la FASTED come associazione che si occupa di malati di talassemia, che è un altro gravissimo problema, hanno veramente bisogno di molto supporto sia loro che i malati talassemici con le famose donazioni di sangue e così via… cose che il presidente di questa associazione ieri proprio nella conferenza stampa da noi indetta ha sottolineato. L’altra associazione è la Soccorriamoli onlus, che è l’ambulanza veterinaria di Messina che fa un grande lavoro di supporto per i nostri amici a quattro zampe e per gli animali in generale, perché è un’ambulanza che gira e aiuta gli animali in difficoltà a seconda delle varie segnalazioni. Perciò sicuramente pure questa qua è un’altra grande iniziativa e un’altra grande associazione da aiutare dal punto di vista pratico, perché poi al di là delle parole non ci scordiamo che questi enti e associazioni devono vivere per poter dare supporto e sono spesso lasciate sole dalle amministrazioni. Perciò questa manifestazione è sicuramente dedicata totalmente alle associazioni, in maniera che la gente possa intanto conoscere quello dedicata totalmente alle associazioni, in maniera che la gente possa intanto conoscere quello che le associazioni fanno e poi ovviamente supportarle secondo la propria coscienza da questo punto di vista. Volevo solamente ricordare un’ultima cosa: la madrina dell’evento è Daniela Conte che vedrete in giro nei vari palchi e mandare ovviamente un saluto all’altro direttore artistico che è Antonello Arena.»

Un progetto davvero ammirevole, che ravviverà il centro storico della città.

Dunque vi attendiamo numerosi giorno 15 e 16 settembre per questa piacevole iniziativa.

Cristina Trimarchi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sei − = 5