Un cantiere di lavori, ma soprattutto un cantiere di opportunità, sul piano della salute, dell’assistenza e della ricerca. È per spiegare con concretezza ciò che sta sempre più prendendo forma nei locali al piano -1 del padiglione E che martedì 5 febbraio 2013, alle ore 11, si svolgerà, nell’aula magna della stessa struttura, un incontro per illustrare alla comunità scientifica e alla stampa le potenzialità delle nuove tecnologie che andranno ad arricchire le opportunità di ricerca e di prestazioni assistenziali dell’AOU Policlinico “G. Martino”.

 Subito dopo è in programma una visita al cantiere dove sono adesso in atto i lavori per l’installazione della PET e del Ciclotrone. Sempre come parte dello stesso Progetto saranno presentate le apparecchiature di stimolazione cerebrale transcranica, unica in Italia, site al 3° piano e le moderne strumentazioni di biologia molecolare site al 6° piano dello stesso padiglione.

 Assume sempre più concretezza il progetto di neuroncologia-oncologia, finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca, con cui l’Università di Messina e l’AOU Policlinico “G. Martino” puntano a diventare un polo centrale di riferimento in Sicilia per la ricerca, la cura e il trattamento di tutte le neoplasie, in particolare per quelle cerebrali. Tecnologia, medicina e ricerca; sono le parole chiave in una partita dove l’obiettivo è quello di continuare a implementare e sviluppare risorse strumentali, ma soprattutto umane, con l’acquisizione già finanziata di figure professionali provenienti da mondi diversi: chimici, fisici, radiofarmacisti, ma anche matematici, informatici, economisti e psicologi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


nove × = 54