Comunicato del Sindaco di Messina Cateno De Luca: <<Con una nota del 23/12/21, il Dipartimento regionale delle Autonomie Locali, ha evidenziato che la “la relazione annuale del Sindaco è un atto obbligatorio per legge, che va portato in Consiglio Comunale” e che lo stesso “pur convocato in data 13/10/21, non ha espresso alcun giudizio in quanto la maggioranza dei consiglieri ha abbandonato l’aula, senza rispettare il superiore precetto”.

Ed ha aggiunto che “il Sindaco ha rispettato, oltre la norma legislativa, anche quella statutaria riguardante la presentazione della relazione annuale, mentre il Consiglio Comunale non si è attenuto né alla norma legislativa, né a quella statutaria”.

Ecco quindi l’ulteriore prova del fatto che sulla relazione annuale il Consiglio Comunale – pur di fare dispetto al Sindaco – ha violato leggi e regolamenti.

A dirla tutta, i consiglieri sono anche recidivi, perché anche nel 2020 non hanno inteso discutere la relazione annuale del Sindaco inviata in data 13 agosto al presidente del Consiglio Comunale.

In conclusione, l’Assessorato regionale ha intimato al Presidente Cardile di procedere all’esame della relazione annuale entro e non oltre cinque giorni dal ricevimento di detta nota, convocando una seduta con all’ordine del giorno “Esame relazione annuale del Sindaco”.

Ecco, quindi, assegnati i compiti per le vacanze ai consiglieri comunali che per ben due anni hanno agito in violazione di legge: studiate e discutete la relazione del Sindaco!

Morale della storia: studiare è importante ed a volte può essere obbligatorio. Un fine intellettuale del secolo scorso, Antonio Gramsci, infatti, ha scritto: “Studiate, studiate ed ancora studiate, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza”, ma certamente non pensava ai consiglieri comunali di Messina! Il Sindaco     on. dott. Cateno De Luca>>

Lascia un commento