22Si è tenuto oggi nel Salone delle Bandiere il workshop “Programmi Innovativi, dai casi studio agli strumenti attuativi: La riqualificazione urbana Stazione Marittima – Gazzi”. La sessione dei lavori presieduta dal Vice Sindaco, Salvatore Mondello, e moderata dall’ing. Giacomo Villari, Responsabile del Servizio Politiche Europee, Pianificazione e Programmazione Strategica e RUP del Piano di Riqualificazione, è stata l’occasione per riprendere il processo di condivisione con il territorio ed approvazione definitiva del Piano che consentirà di dare opportunità di rinascita al waterfront urbano sottraendo aree al degrado.

Un particolare apprezzamento, sottolinea il vice Sindaco, va agli ordini professionali degli architetti e degli ingegneri che hanno promosso la giornata formativa ed alla Soprintendente ai BB.CC.AA. arch. Mirella Vinci, che ha voluto porgere i saluti evidenziando l’esigenza di imprimere una accelerazione alla definizione di questo importante strumento di pianificazione al quale la Soprintendenza si è accostata in passato con grande spirito di collaborazione e che in questa sede ha inteso rinnovare.

L’ing. Barbara Milio, consigliere dell’Ordine degli Ingegneri, ha portato i saluti del Presidente Francesco Triolo, evidenziando l’importanza di questi momenti di condivisione e confronto ai quali l’Ordine è particolarmente sensibile.

Il Presidente dell’ordine degli Architetti Pino Falzea ha evidenziato l’importanza di ripensare all’architettura ed alla pianificazione come un fenomeno necessariamente unitario. L’architettura pertanto che diviene elemento necessario della riqualificazione unitamente a tecniche urbanistiche che garantiscano la sostenibilità di un Piano, tra tutte la perequazione.

Gli interventi dell’arch. Benedetto Camerana, dall’arch. Claudio Lucchesi e del dott. Alfredo Natoli hanno ripercorso per grandi tappe gli elementi salienti che hanno guidato la redazione sotto i vari aspetti. E’ stata evidenziata la flessibilità ed il carattere contemporaneo del Piano basato su mixitè funzionale ed integrazione tra funzioni urbane. Il centro polifunzionale ed il parco urbano della Stazione Marittima che si pone come avvio di un processo di riqualificazione che possa propagarsi a nord verso la zona Falcata e la real Cittadella ed a sud verso Maregrosso e Gazzi.

Infine è stata evidenziata la base conoscitiva geologica e geotecnica alla base del Piano che consente di avere tutte le informazioni necessarie a supportare le scelte progettuali operate oltre che fornire ai professionisti che domani si troveranno ad utilizzare il Piano per tutte le scelte attuative puntuali.

Il Vice Sindaco, particolarmente soddisfatto per la buona partecipazione dei professionisti, ha concluso la giornata garantendo l’attenzione dell’Amministrazione affinché questo importante strumento attuativo possa trovare finalmente reale e concreta applicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


due + 9 =