Si è svolto oggi a Palazzo Zanca il seminario formativo territoriale organizzato da ANCI Sicilia e CONAI. I lavori hanno previsto l’approfondimento dell’accordo Quadro Anci-Conai 2022-24, lo strumento previsto dal Decreto Ronchi del 1997 e dal D.Lgs 152/06, attraverso il quale il sistema consortile garantisce ai comuni italiani la copertura degli oneri sostenuti per effettuare le raccolte differenziate dei rifiuti di imballaggi.

La giornata si é aperta con i saluti istituzionali ed il benvenuto ai partecipanti del Sindaco di Messina Federico Basile e di Fabio Costarella, Responsabile Piani di Sviluppo della RD al Centro Sud Conai.

“Sul tema dei rifiuti la città di Messina – ha spiegato il Sindaco Federico Basile nel corso del suo intervento – rappresenta per tutti un esempio virtuoso, poiché dal 2019 al 2022 si é riusciti ad arrivare al 55% di raccolta differenziata con il porta a porta in un territorio che si estende con oltre 230 mila abitanti, grazie alla lungimiranza di chi negli ultimi anni ha governato e con l’impegno della governance, oggi presente qui nel Salone delle Bandiere, della società Messina Servizi Bene Comune, che ha conseguito questo risultato in pochissimo tempo e con qualità.

Oggi il problema della raccolta differenziata non è legato al metodo o al sistema, ma soprattutto all’impiantistica e a chi, come la città di Messina, che, nonostante abbia prodotto un risultato virtuoso, sconti ancora problemi di smaltimento dovuti agli elevati costi di conferimento e alla mancanza di discariche in Sicilia. Nonostante i sacrifici effettuati e gli ottimi risultati ottenuti, la mia cittadinanza é costretta a subire l’aumento delle tariffe a causa dei costi di conferimento e da Sindaco non posso accettare questa situazione perché, e mi rivolgo ai colleghi amministratori presenti, quando una comunità risponde positivamente bisogna trasmettere invece segnali diversi. E’ su questo che si deve ragionare per individuare le soluzioni opportune.

Attraverso un lavoro costante e perseverante, Messina è riuscita a creare un cambio di mentalità che spesso invece non è assorbibile dai cittadini, ma è fondamentale una visione complessiva e strategica che in Sicilia è mancata e continua a mancare.

Occasioni come quella di oggi consentono di ribaltare questo paradigma per comprendere quali siano i metodi da seguire. Noi ci proponiamo come esempio per gli altri e siamo aperti a qualsiasi forma di dialogo, ma è necessario da parte della Regione Siciliana – ha concluso il Sindaco Basile – un cambio di rotta importante per non doversi confrontare sempre sulle medesime problematiche”.
I lavori, introdotti e moderati dal segretario generale dell’Associazione dei comuni siciliani Mario Emanuele Alvano, sono stati suddivisi in sette moduli, e vi hanno partecipato, tra gli altri, il deputato regionale Giuseppe Lombardo, la presidente di Messina Servizi Bene Comune Mariagrazia Interdonato ed il consigliere Lino Cucè. Nel corso del seminario, aperto alla partecipazione di Sindaci, amministratori e personale delle SRR, sono state presentate le opportunità previste dall’accordo quadro, rinnovate nel documento 2022-24, che introduce alcune importanti novità in termini di partecipazione a bandi, iniziative, campagne di comunicazione e finanziamenti per attrezzature, il tutto finalizzato al miglioramento delle performance della raccolta differenziata dei comuni.

Trattati, inoltre, i principali aspetti degli allegati tecnici riguardanti la gestione dei rifiuti di imballaggio e illustrati i dati regionali relativi alla filiera del recupero e riciclo dei rifiuti conferiti e gestiti attraverso le convenzioni dai consorzi di filiera. L’accordo quadro ANCI-CONAI rappresenta uno strumento fondamentale per sostenere le politiche di economia circolare dei comuni attraverso il principio della responsabilità estesa del produttore. Presenti al seminario, in qualità di relatori, Monica Bettiol su “I regimi di responsabilità estesa del Produttore”; Franco Bonesso in merito ad “Accordo quadro Anci Conai 2020-2024.

Principi generali e gli allegati tecnici Plastica, Carta, Vetro”; “Risorse per i Comuni e Convenzionati in base all’Accordo Quadro e agli allegati tecnici per le diverse frazioni di imballaggio”; e “L’Accordo quadro Anci Conai 2020-2024. Principi generali e gli allegati tecnici Bioplastica, Acciaio, Alluminio, Legno”; ed ancora interverrà Monica Bettiol per esporre le “Normative europee ed italiane sulla gestione dei rifiuti d.lgs. 116/2020, Metodo tariffario ARERA. Scenari per la raccolta degli imballaggi in un sistema competitivo”; e per illustrare una panoramica sugli aspetti di tutela degli Enti nel contratto di affidamento al gestore; e a seguire interventi di amministratori locali.

Lavori del seminario conclusi da Antonello Antonicelli sui temi relativi alla “Raccolta rifiuti: risultati e innovazione (DRS, raccolte separate) e su “Case study su DRS. Indicatori ambientali”. Obiettivo degli interventi tematici sulla normativa nazionale ed europea e sulle migliori pratiche di raccolta e gestione rifiuti è favorire la condivisione di informazioni in modo interattivo e pratico.

Lascia un commento