I Carabinieri della Stazione di Alì Terme hanno arrestato, in flagranza di reato, tre giovani cittadini stranieri presunti responsabili del delitto di furto con strappo in concorso, commesso in danno di una donna del luogo.

I fatti risalgono alle ore 17.00 circa di ieri, quando i Carabinieri della Centrale Operativa di Messina hanno ricevuto la segnalazione di un cittadino che riferiva di aver assistito ad uno scippo, perpetrato in danno di una donna, in una via del centro di Alì Terme. Raggiunto il luogo segnalato, i militari dell’Arma hanno contattato la vittima e, dopo essersi sincerati che non avesse bisogno di cure mediche ed acquisite tutte le informazioni utili alla loro individuazione, si sono messi alla ricerca dei responsabili.

L’attività investigativa sviluppata dai Carabinieri anche attraverso l’attenta analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza presenti in prossimità del luogo del delitto, hanno permesso di risalire agli autori che sono stati rintracciati presso la stazione ferroviaria del luogo, con il verosimile intento di dileguarsi con il primo treno in transito. Sottoposti a perquisizione personale, i tre individui sono stati trovati in possesso di un telefono cellulare e di un portafogli con all’interno 85 euro e documenti di proprietà della vittima.

La refurtiva recuperata è stata restituita alla donna ed i tre indagati sono stati arrestati e ristretti presso nelle camere di sicurezza della caserma, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.