gioveni22-1-300x278“Una volta sbaraccata l’area di Fondo Fucile, ARISME proceda subito a redigere u n cronoprogramma delle aree da risanare tenendo in debito conto anche della vecchia delibera 10/C del 1994”.

Il consigliere comunale Libero Gioveni, capogruppo di Fratelli d’Italia, nell’apprezzare gli sforzi che sta facendo l’Agenzia del Risanamento guidata dal Presidente Marcello Scurria, chiede che, nero su bianco, si stabiliscano già da ora qu ali saranno le priorità dei prossimi interventi. La richiesta, già peraltro formulata in Commissione allo stesso Scurria – spiega Gioveni – nasce da una duplice ragione, una giuridica e l’altra di opportunità e trasparenza. Quella giuridica – chiarisce il consigliere – è dettata dal fatto che il legisla tore, con la nascita di ARISME avvenuta con l’art. 62 della L.R. 8/2018, ha attribuito piene funzioni all’Agenzia anche nelle scelte degli ambiti da risanare, sottraendo di fatto questa incombenza al Consiglio Comunale che già si era pronunciato con la delibera principale, appunto la n. 10/C del 1994 e successive modifiche. La ragione di opportunità e trasparenza invece – prosegue l’esponente di FdI – è legata alla necessità di evitare assolutamente le più classiche delle “guerre tra poveri” che rischiano di nascere fra le centinaia di nuclei residenti nelle v arie baraccopoli cittadine, ognuna delle quali reclama legittimamente attenzione e celerità negli interventi, senza considerare anche le strumentalizzazioni di carattere politico ed elettoralistico che sul Risanamento hanno fatto da sempre “man bassa”! L’augurio, naturalmente – conclude Gioveni – è che ARISME possa anche tenere con to delle indicazioni che in qualche modo potrebbe dare il Consiglio Comunale, si a con eventuali nuovi atti di indirizzo, sia con quelle già stabilite con la stessa delibera 10/C che, seppur datata, rimane ancora parecchio attuale per le tan te zone ancora da risanare in essa inserite. Il consigliere comunale Capogruppo FdI Libero Gioveni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


1 + = dieci