Al capolinea del tram nella frazione Annunziata, vicino la villetta «Sabin», la potatura e la scerbatura sono state eseguite a metà. L’immagine mostra come la rimozione dei rami sia un optional, quasi a volerli mettere a disposizione di chi ancora dispone di antichi camini per difendersi dagli attuali rigori invernali, ma di fatto costituiscono una minaccia per i pedoni che si avventurano lungo quel corso, costretti a fare la gimcana fra i vegetali ed i veicoli in transito. Stando alle indicazioni dei residenti, il fasciame giace lì da oltre un mese, favorito probabilmente dalla segnaletica indicante un divieto di sosta lungo tutto il margine, anche se alcuni automobilisti indisciplinati non disdegnano di parcheggiare le loro vetture ed a poco vale il deterrente degli agenti della Polizia Municipale per far rispettare il divieto. Emerge altresì la stranezza che nel lato del Museo Regionale giacevano delle ramaglie frutto della concomitante taglio, ma sono state prontamente tolte. Esiste per caso all’interno delle stesse strade messinesi una corsia di serie A ed una di serie B?

 Foti Rodrigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× 9 = venti sette