foto5La ricorrenza di San Sebastiano, patrono della Polizia municipale sarà celebrata domani, sabato 18, alle ore 9.30, nella chiesa di Santa Caterina. La Messa, officiata dall’arcivescovo mons. Calogero La Piana, alla presenza del sindaco, Renato Accorinti, del Prefetto, Stefano Trotta, del Comandante del Corpo, Calogero Ferlisi, e delle autorità civili e militari, ricorderà San Sebastiano martire, proclamato da Papa Pio XII patrono della Polizia municipale. Il Santo, vissuto a Roma nel IV secolo, comandante della legione preposta alla sicurezza sotto l’imperatore Diocleziano, per avere abbracciato la fede cristiana fu condannato al martirio, fatto legare ad un palo in mezzo all’accampamento, saettato dai soldati e quindi battuto con il flagello, finché rese lo spirito. Il Breve Pontificio del 3 maggio 1957, con il quale Pio XII ha formalmente proclamato il Santo, martire, “custode di tutti i preposti all’ordine pubblico, che in Italia sono chiamati Vigili Urbani”, cosi recita: “Tra gli illustri di Cristo, i militari occupano un posto di primissimo piano presso i fedeli, per la loro peculiare religiosità e per l’ardente impegno a compimento del dovere. Tra questi brilla San Sebastiano che, come viene riferito dalla tradizione, durante l’impero di Diocleziano fu comandante della corte pretoriana e fu onorato con grandissima devozione (omissis)…. a lui come patrono si consacrano molte associazioni sia militari che civili attratte dal suo esempio e dalle virtù cristiane (omissis)…. per cui dopo aver consultato la Sacra Congregazione dei riti, soppesata accuratamente ogni cosa, con consapevolezza e matura deliberazione, nella pienezza della nostra potestà Apostolica in forza di questa lettera costituiamo e dichiariamo per sempre San Sebastiano Martire custode di tutti i preposti all’ordine pubblico, che in Italia sono chiamati “Vigili Urbani” e Celeste Patrono con tutti i privilegi liturgici, specialmente quelli che competono, secondo rito, ai Patroni (omissis)…. dato a Roma presso San Pietro sigillato col timbro dell’anello del Pescatore il 3 maggio 1957, undicesimo del nostro Pontificato”. Per consentire la partecipazione alla cerimonia, domani il ricevimento del pubblico è sospeso in tutti gli uffici della Polizia Municipale; sarà comunque garantito l’espletamento dei servizi essenziali e di emergenza. Dalle ore 8 alle12, per agevolare l’afflusso dei partecipanti alla celebrazione, è stato disposto il divieto di sosta, su entrambi i lati della via Risorgimento, piazza S. Caterina Valverde, tra le vie del Vespro e Garibaldi, antistante la chiesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sei − = 1