sdrIn una fase critica come quella attuale le nuove tecnologie possono aiutare ad accorciare le distanze imposte dal decreto anti-contagio, fornendo supporto psicologico e spirituale a tutti coloro che lo necessitano. È in questo contesto che si inseriscono i Salesiani di Sicilia, gruppo religioso che ha recentemente ideato vari progetti a distanza, confermando la sua secolare propensione all’aiuto dei giovani e degli emarginati.

Attivi in oratori, scuole, parrocchie e centri di ascolto, si è deciso di proseguire lo spirito comunitario ispirato a Don Bosco attuandolo stavolta in un cortile digitale, rappresentato dalle maggiori piattaforme social odierne. Facebook, Instagram, TikTok, Whatsapp, Telegram, sono diversi gli strumenti adoperati per coinvolgere giovani e meno giovani.

davMomenti di preghiera in modalità streaming sono stati organizzati da una parrocchia di Giostra, così come avvenuto in altre diocesi e paesi siciliani (Alcamo, Modica, Ragusa, Marsala, Gela e Catania) seguendo le indicazioni della Conferenza Episcopale Italiana. La domenica mattina alle ore 10,00 la comunità salesiana di Giostra trasmette puntualmente la messa attraverso il loro specifico canale Youtube.

L’Istituto Teologico San Tommaso d’Aquino ha attivato da qualche giorno la didattica online, che adopera la piattaforma Google Suite fondata su applicazioni ausiliarie che consentono a docenti e allievi la prosecuzione dei programmi di studio e la celere condivisione del materiale didattico. Lezioni in videoconferenza sono accessibili agli studenti di teologia e filosofia, appartenenti al primo e secondo ciclo, nonché ai corsi di perfezionamento.

Per quanto concerne le iniziative verso i più giovani, settore specifico dei salesiani da oltre cento anni, sono state realizzate delle particolari Instastories dove si diffondono preghiere: c’è chi condivide Ave Maria, tagga l’oratorio ed incontra la comunità nel cortile digitale, così com’erano soliti fare in presenza in parrocchia.

davInoltre, sulla pagina Youtube “Salesiani Sicilia” è stato avviato un Talk Show Educativo con collegamenti anche da Catania e Palermo. L’evento, ideato “per occupare il tempo in maniera bella, sana e divertente”, si ripeterà periodicamente e sarà usufruibile al seguente link: https://www.youtube.com/channel/UCqmOIKuUyQObvLl23B7ZJyQ?fbclid=IwAR2OB1azss4rxTTrzV0AEmTEq4fjr2iD2iz9AFiQGFXO36-J46TTDLmkvqM

Come asserisce Stefano Cortesiano, il presentatore del programma, al termine della prima puntata dedicata alla musica: «Non temere, tu devi solo fidarti del Maestro con la “m” maiuscola, Lui ha lo spartito della tua vita nelle mani e vuole farne insieme agli altri strumenti (persone) una potente melodia». Un messaggio positivo che è bene diffondere, soprattutto in tempi come questi e con le possibilità tecnologiche di condivisione attuali, per fornire un po’ di speranza alle comunità di fedeli.

Cristina Trimarchi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 + = dieci