Emanuele Cilenti, prolifico autore, poeta, artista e scrittore internazionale di Messina, pubblica il suo nuovo libro, il numero quattordici di una lunga serie e di una lunga carriera artistica partita nel 2010. E’ una antologia di racconti dal titolo: “Le mie cicatrici” G.C.L. edizioni. Un libro fortemente riflessivo, vero, che sprizza vita da ogni singola goccia d’inchiostro. C’è davvero di tutto all’interno di questa ultima opera del Cilenti, molte tematiche sociali affrontate in maniera diretta, l’Olocausto, un padre disperato che tenta il suicidio, l’alluvione dell’ 01 Ottobre 2009 a Messina, il Femminicidio, i Migranti morti in mare, etc. Realtà nude e crude senza inutili giri di parola, la voglia di mettere a nudo e fare luci sui lati oscuri e fragili dell’umanità e di tutta la società di ieri e di oggi. Non è un opera di sociologia o filosofia, ma ci si avvicina parecchio. Libro impreziosito anche dallo scrittore italiano Giovanni Fanelli che ha aggiunto, con la sua sagacia, un tocco di vita e riflessione attraverso l’interessante, bella e meticolosa prefazione dove riesce a cogliere tutte le sfaccettature e le sfumature che colorano e costituiscono l’intero libro.

Dall’introduzione del libro:

Ogni uomo ne ha una (citatrice n.d.a) io invece ne ho tante, tutte profonde. Lunghe come autostrade che s’intrecciano e che percorrono l’intera esistenza. Ormai ci sono affezionato, le ho cresciute, son figlie mie, e mi ricordano ogni dì la storia della mia vita. Se chiudo gli occhi e le sfioro con le dita diventano pagine di un libro di poesie, fogli scritti in braille per chi non ha occhi ma vede più degli altri. Quando le guardo allo specchio provo profonda commozione e delusione perché un uomo ha bisogno di esse per capire i propri errori. 

Dalla prefazione di Giovanni Fanelli:

Quanto è assurda la vita. Tutto può cambiare in un solo istante: una scelta non presa, un bacio non dato, un “sì” o un “no”. Ogni cosa che facciamo o che non facciamo ha inevitabilmente delle conseguenze che precipitano sul nostro percorso come delle bombe che cadono dal cielo. Il volume che avete tra le mani non è una semplice raccolta di poesie o di pensieri. Si tratta piuttosto di una messa a fuoco sul mondo interiore di ogni uomo, donna o bambino di questo mondo. Tuttavia, solo in pochi sono capaci di dare importanza ad alcuni concetti essenziali di questo vissuto. Queste persone sono coloro che hanno fatto delle proprie cicatrici un vanto più che una vergogna.

 

Disponibile al link: https://www.youcanprint.it/le-mie-cicatrici/b/d8c8cb58-9b49-5529-8c9e-d45019d5f58b

E su tutti i digital store, oltre che sul sito della case editrice: G.C.L. edizioni.