La Consulta Provinciale Studentesca di Messina, in occasione della ricorrenza annuale della giornata contro la violenza sulle donne in data 25 novembre, ha deciso di prendere parte a un’iniziativa per sensibilizzare sul tema. I rappresentanti della Consulta delle varie scuole della provincia si sono recati nei panifici nelle loro città per chiedere che le impostazioni del registratore di cassa fossero modificate, al fine di far comparire alla fine dello scontrino la scritta “Se sei vittima di violenza chiama l’1522”. Al momento hanno risposto all’appello dei ragazzi il panificio “Arena” di Messina, in via T. Cannizzaro, il Karma, in Via Trento e il “Sofia Bakery” in Via Roma, “Saint-honoré” di Barcellona Pozzo di Gotto, e infine anche alcuni panifici delle zone dei Nebrodi.

“Abbiamo scelto di partecipare perché ci siamo sentiti in dovere di offrire un contributo attraverso un piccolo messaggio di coraggio a coloro che restano in silenzio”, ha dichiarato il “Sofia Bakery” di Barcellona. Ci lascia invece un messaggio molto profondo e toccante, che ci sprona a fare tutto ciò che è nelle nostre forze per fare in modo che episodi di questo tipo non debbano più verificarsi, il panificio “Arena” di Messina. “bisogna fare l’impossibile per aiutare tutte le donne vittime di violenza a denunciare i loro “carnefici”. Ognuno di noi con le  proprie possibilità dovrebbe rendersi protagonista affinché si possa porre fine a tali orrori. Ho perso un’amica, una mia compagna di scuola vittima di un marito geloso e possessivo che in un raptus  di follia l’ha colpita con 7 coltellate lasciandola in un lago di sangue, questo episodio mi ha fatto riflettere rendendomi ancora più  sensibile al problema. Ecco perché quando sono stato contattato per aderire a questa iniziativa, l’ho colta subito per poter dare nel mio piccolo il mio contributo “fattivo” alla sensibilizzazione del problema. Urliamo, battiamoci, sensibilizziamo contro la violenza sulle donne.” dichiarano.

Si spera che il bacino di attività che deciderà di aderire a questa ’iniziativa avrà modo di ampliarsi in futuro, al fine di far comprendere quanto questi temi siano seri  e drammaticamente attuali e quanto sia importante denunciare ogni atto di violenza.

“La Consulta Provinciale Studentesca di Messina si impegna ad attuare una campagna di sensibilizzazione negli istituti, riguardo questa e tante altre tematiche delicate, affinché si possa diffondere la massima conoscenza e soprattutto coscienza tra i giovani e non solo.
Sono stati fatti tanti passi in avanti in termini di diritti, ma bisogna continuare per far sì che la violenza cessi insieme alla cultura patriarcale che affonda le radici in quella che è la storia e il ruolo della donna col susseguirsi del tempo nei vari periodi storici.
È fondamentale infatti, dare un’impronta significativa per la causa, che possa essere simbolo di un cambiamento radicale” dichiara la Presidente Emilia Pace

Lascia un commento