carabinieri212223Prosegue l’azione di repressione dei reati di natura predatoria da parte dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina, che arrestano due persone a seguito del furto di un’autovettura. A fare scattare l’intervento dei Carabinieri, intorno alle 11:00 di ieri, è stata la telefonata di un cittadino pervenuta presso la Centrale Operativa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Messina, il quale segnalava di aver rinvenuto, nei pressi della via Consolare Pompea del Villaggio Paradiso, l’autovettura di proprietà della madre che era stata rubata poco prima mentre si trovava parcheggiata sul Viale della Libertà.

Prontamente l’operatore della Centrale Operativa del Comando Provinciale ha fatto convergere nella località segnalata una gazzella del Nucleo Radiomobile impegnata nell’attività di controllo del territorio per la prevenzione dei reati ed in specie quelli di tipo predatorio. Sul posto, i Carabinieri intervenuti hanno effettivamente rinvenuto  l’autovettura già oggetto di furto, rintracciando nelle vicinanze della citata autovettura due individui.

Nella circostanza, i militari dell’Arma hanno immediatamente bloccato R. Massimo, nato a Caltagirone (CT), cl. 1973, ma domiciliato nella città dello Stretto, già noto alle Forze dell’Ordine e la convivente Q. Giuseppa, nata a Messina, cl. 1966, anch’ella già nota alle Forze dell’Ordine, i quali, alla vista dei Carabinieri tentavano di disfarsi delle chiavi dell’autovettura poco prima asportata.

Per i due conviventi sono quindi scattate le manette con l’accusa di furto aggravato in concorso. Su disposizione del Magistrato di turno della Procura della Repubblica di Messina, i prevenuti sono stati tradotti presso le camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Messina Gazzi, in attesa dell’udienza con rito direttissimo che si terrà nella giornata odierna.illafranca Tirrena (ME); 31enne arrestato dai Carabinieri.

 

Alle prime ore di oggi, a conclusione di una serrata attività info-investigativa, i militari della Stazione Carabinieri di Saponara hanno arrestato un giovane di Villafranca Tirrena (ME), poiché ritenuto responsabile di lesioni personali.

 

A finire in manette, GIORDANO Giuseppe, nato a Messina, cl. 1981, ma residente a Villafranca Tirrena (ME), già noto alle Forze dell’Ordine, il quale, per cause tuttora in corso di accertamento, al culmine di una lite scaturita per futili motivi, aggrediva con calci e pugni un operaio messinese di 37 anni, quest’ultimo poi soccorso dai sanitari di un nosocomio del capoluogo peloritano e giudicato guaribile con una prognosi di 10 gg. s.c..

 

Nella circostanza, all’esito di ulteriori accertamenti, i Carabinieri deferivano in stato di libertà anche una ragazza di 27 anni, sul conto della quale emergevano responsabilità penali per favoreggiamento personale nei confronti dell’arrestato.

 

GIORDANO Giuseppe, al termine delle formalità di rito, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Saponara, in attesa del giudizio direttissimo che si terrà nella giornata odierna presso il Tribunale del capoluogo peloritano.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


1 + otto =