Compagnia di Milazzo. San Filippo del Mela (ME); tre giovani arrestati dai Carabinieri per furto in un supermercato.. Nella mattinata odierna, nell’ambito dei servizi di prevenzione volti al contrasto dei reati di natura predatoria, i Carabinieri della Stazione di San Filippo del Mela unitamente a quelli della Stazione di Pace del Mela hanno arrestato tre giovani, rispettivamente di 38, 30 e 18 anni, in quanto responsabili di furto aggravato. In particolare, i Carabinieri sono intervenuti a seguito di una telefonata giunta sull’utenza di Pronto Intervento 112 con la quale veniva segnalato un furto all’interno di un supermercato nel centro del Comune di San Filippo del Mela. Immediatamente l’operatore della Centrale Operativa inviava nella località indicata i Carabinieri delle Stazioni di Pace del Mela e San Filippo del Mela, i quali, raggiunto tempestivamente l’esercizio commerciale, sorprendevano i tre giovani all’interno del supermercato, dove erano penetrati dopo aver forzato la saracinesca dell’ingresso. Nella circostanza i prevenuti, dopo che avevano asportato il denaro in contante contenuto nelle casse e vari generi alimentari per un valore complessivo di circa 500,00 euro, si erano introdotti nell’ufficio ove era situata una cassaforte, con l’intento di forzarla, azione che non riuscivano a concretizzare per l’intervento dei Carabinieri. A finire in manette, tre giovani tutti già noti alle Forze dell’Ordine, che deve adesso rispondere di furto aggravato. La refurtiva interamente recuperata è stata restituita ai legittimi proprietari, mentre vari attrezzi da scasso rinvenuti sono stati sottoposti a sequestro. I giovani, dopo le formalità di rito, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.

Milazzo (ME); un 20enne arrestato dai Carabinieri per evasione.
Nel primo pomeriggio di ieri, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Milazzo, nell’ambito di un controllo di polizia effettuato nel territorio di competenza sui soggetti sottoposti a misure disposte dall’A.G., hanno arrestato un giovane di 20 anni, poiché resosi responsabile di evasione. In particolare, la pattuglia dei Carabinieri nel corso del servizio, sorprendeva e bloccava in una via del centro mamertino un 20enne, in atto sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Stante la flagranza del reato il MILAZZO Carmelo veniva tratto in arresto per evasione. Il prevenuto dopo le formalità di rito, su disposizione dell’A.G. competente, informata dai Carabinieri, veniva ristretto presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi.

Compagnia di Santo Stefano di Camastra
Caronia (ME); 37enne arrestato dai Carabinieri per aggressione.
Nel pomeriggio di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Caronia hanno arrestato in flagranza di reato un uomo resosi responsabile di lesioni personali pluriaggravate. L’intervento dei Carabinieri della Stazione di Caronia è scattato intorno alle 16.00 di ieri, quando un cittadino ha chiamato l’utenza di Pronto Intervento 112, segnalando che una donna era stata aggredita, indicandone il luogo. Nella circostanza i Carabinieri, dopo avere raggiunto l’abitazione segnalata, sita nel centro abitato del Comune di Caronia, hanno accertato che la donna, mentre si trovava nella propria abitazione, verosimilmente per futili motivi riconducibili a dissidi famigliari, era stata aggredita dal marito convivente e percossa. La donna, che all’arrivo dei militari operanti si trovava all’esterno dell’abitazione, in stato confusionale, veniva prontamente soccorsa è trasportata presso l’Ospedale di Sant’Agata di Militello (ME), dove i sanitari l’hanno giudicata guaribile in gg. 7 s.c.. A finire in manette, con l’accusa di lesioni personali pluriaggravate, il marito 37enne, il quale, al momento dell’intervento dei Carabinieri era ancora all’interno della abitazione. Il prevenuto dopo le formalità di rito è stato ristretto nelle camere di sicurezza della Stazione Carabinieri di Santo Stefano di Camastra (ME), in attesa di essere giudicato nella giornata odierna con rito direttissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− 2 = uno