accorinti de colaCittà e rischi ambientali: Messina reagisce, progetta e costruisce il futuro. Nota del sindaco Renato Accorinti e dell’Assessore De Cola: <<Alluvioni e disastri ambientali stanno inducendo i governi in tutto il mondo a rispondere alla vulnerabilità con un totale ripensamento, in chiave ambientale, di valori e modi di progettare la città. Modello di riferimento è quello della città “resiliente”, vale a dire una città capace di rispondere agli eventi climatici, ma anche alle trasformazioni economiche e sociali, attraverso azioni che possano non solo proteggere il territorio (cittadini, patrimonio edilizio, infrastrutture) ma anche garantirne il progetto di sviluppo.

Messina ha intrapreso questa direzione con più azioni già riconosciute e positivamente valutate a livello nazionale.

Arriva in questi giorni un ulteriore e importante riconoscimento con l’invito a partecipare da protagonista all’incontro “ORA E SEMPRE RESILIENZA” − organizzato dalla Struttura di Missione del Governo contro il Dissesto Idrogeologico insieme al Dipartimento della Protezione civile, all’Associazione Nazionale dei Comuni italiani, alle Regioni, al Consiglio Nazionale dei Geologi e all’Istituto Nazionale di Urbanistica, con la collaborazione dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la Riduzione del Rischio da Disastri − che si svolgerà il 3 luglio a Roma.

Il Sindaco Renato Accorinti e l’Assessore De Cola sono chiamati a confrontarsi con le esperienze internazionali di Barcellona e Bordeaux e con altre cinque città italiane: Genova, Bologna, Roma, Firenze e Ancona; intervenendo nella seconda sessione, relazioneranno sull’importanza strategica di una pianificazione del territorio in grado di innovare i propri strumenti e condividerli con la popolazione.

L’ Assessore ai lavori pubblici, commentando l’invito a partecipare a questa prestigiosa iniziativa, ritiene che per Messina − citata come esempio nel documento preparatorio dell’incontro “…seguiti dalla testimonianza del comune di Messina che sta mettendo in pratica le potenzialità teoriche della pianificazione…” − sia un’importante occasione di verifica del percorso intrapreso incentrato sulla qualità ambientale e del paesaggio. In tale direzione, a partire dal tema del rischio, si costruisce un approccio basato su piani, progetti e politiche urbane integrate ed ecologicamente orientate anche al contenimento del consumo di suolo.

Mentre per molte città il tema del rischio è un tema nuovo, a Messina è connaturato con l’essenza stessa della città. Un rischio secolare con cui ci siamo abituati a convivere e che abbiamo imparato ad accettare fino ad arrivare, per abitudine, al limite estremo della sottovalutazione.

“Il disegno della città ricostruita dopo il 1908 ha rappresentato un modello illuminato di urbanistica antisismica ma, col tempo, il tema della mitigazione del rischio è stato purtroppo completamente dimenticato arrivando a consentire l’espansione della città sui greti delle fiumare. Nei decenni che ci hanno preceduto non ci è più capitato di rappresentare un modello per nessuno − continua De Cola − ed invece, paradossalmente, proprio a partire dal tema del rischio potremmo invertire la tendenza e scoprire una capacità di adattamento e di reazione in grado di farci accogliere la sfida, tutta resiliente, di chi reagisce e guarda al futuro progettandolo”.

Il Sindaco Renato Accorinti, nell’accogliere positivamente l’invito a partecipare alla sessione di lavori, ha dichiarato: “Questa volta la nostra città si distingue, unica realtà da Roma in giù, come eccellenza sui temi ambientali e della mitigazione dei rischi. Si tratta di una grande svolta che ha valore reale e non solo teorico/politico, perché al riconoscimento delle scelte in materia di politiche del territorio fa eco il lavoro serio ed impegnato che in silenzio si svolge negli uffici, lavoro che porta i suoi risultati concreti e tangibili”.

A questo proposito, l’Assessore De Cola comunica che “è di poche ore fa la notizia che Messina è destinataria di finanziamenti per circa 8 mln di € (su un totale di 27 mln di € destinati alla Regione Sicilia con OCDPC 257/2015) per interventi di protezione civile. Il lavoro impostato per tempo con competenza dal Dipartimento di Protezione Civile del Comune di Messina andrà adesso sviluppato per poter aprire rapidamente i cantieri e dare, sempre sul tema della sicurezza, nuovo impulso al settore edilizio”.

“Fin dalla campagna elettorale, commenta il Sindaco, abbiamo detto che questa Amministrazione aveva un grande progetto per la città: la messa in sicurezza dei nostri territori, la tutela dei nostri cittadini e la valorizzazione del nostro bellissimo paesaggio. Anche se meno evidente dell’asfaltatura delle strade, che si sta facendo seguendo quanto definito insieme al Consiglio comunale, tutto questo sta avvenendo con importanti riconoscimenti per le scelte fatte, per il lavoro sviluppato e per i risultati concreti ottenuti. Per realizzare un progetto importate come questo, la città ha bisogno di volontà e capacità Politica, Amministrativa e Tecnica che devono essere portate avanti da tutti i soggetti che possono influire su queste scelte: Consiglio Comunale e Amministrazione Comunale, interloquendo e confrontandosi con continuità con i livelli Regionali e Nazionali”.>>

Renato Accorinti – Sindaco di Messina

 ing. Sergio De Cola – Assessore all’Urbanistica, alla Protezione Civile e ai Lavori Pubblici

del Comune di Messina