2444La mini-rassegna Accordiacorde per la stagione concertistica della Filarmonica Laudamo, realizzata in collaborazione con E.A.R. Teatro di Messina, prosegue giovedì’ 19, alle ore 19, alla Sala Laudamo, con Basilio Timpanaro e Rossella Policardo al clavicembalo, ne “Le Sonate a quattro mani di W. A. Mozart”. Le prime edizioni, comprese quelle per violino e pianoforte, portano spesso l’indicazione “Sonates pour le Clavecin ou Forte-piano” perchè la sonorità e le tecniche esecutive del fortepiano di fine settecento si avvicinano più a quelle del clavicembalo che del moderno pianoforte. Questo repertorio trova una perfetta realizzazione nella differenziazione di piani sonori possibile grazie alle due tastiere del clavicembalo. Basilio Timpanaro, diplomato con lode in pianoforte e in direzione di coro, ha studiato Clavicembalo e Organo antico al Conservatorio di Rotterdam sotto la guida di D. Collyer. Vincitore di una borsa di studio biennale del Governo Olandese, si è poi perfezionato con Siebe Henstra al Conservatorio di Utrecht, conseguendo il “Diploma Concertistico” di Clavicembalo. Laureato in Discipline della Musica all’Università di Bologna, ha svolto attività concertistica con diversi gruppi, tra cui l’Orchestra Barocca Siciliana, “Les Elements”, lo Studio di musica antica “A. Il Verso” di Palermo, l’ Ensemble “Elyma” di Ginevra, partecipando ad alcuni tra i più importanti festival europei di musica antica. E’ titolare della cattedra di Clavicembalo e Tastiere storiche al Conservatorio “V. Bellini” di Palermo. Rossella Policardo, allieva di Timpanaro, si è esibita in concerto in Italia e all’estero (Polonia, Francia, Germania), sia da solista che in gruppo. Nel 2011, al 60° Mozartfestival di Augsburg, ha eseguito da solista concerti per cembalo e orchestra di Mozart e di W. Fr. Bach, con l’Orchestra Harmonices Mundi. Attualmente fa anche parte dell’orchestra barocca del Centro di musica antica della Pietà dei Turchini di Napoli. Prossimo appuntamento con la Filarmonica Laudamo domenica 22, alle ore 18, al Palacultura con il Vijay Iyer Trio, formazione jazz oggi tra le più celebrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


nove − 7 =