Si è tenuta stamani, in Piazza Unione Europea, un’assemblea promossa dalla FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) e finalizzata ad illustrare le richieste formulate al Prefetto di Messina dal Presidente della Federazione Confcommercio Messina Carmelo Picciotto in un documento sottoscritto dalle delegazioni dei ristoratori di Messina Nord, Centro e Sud. Nell’atto sono state tracciate le linee guida di un percorso condiviso tra le associazioni e le istituzioni affinché possa dare una spinta propulsiva atta a fare ripartire il motore dell’economia della città per superare questo periodo di incertezza che ha generato lo sconforto degli esercenti del settore dell’accoglienza, della ristorazione di qualità e dell’organizzazione e promozione di eventi. Dopo l’apertura dei lavori da parte del Presidente Picciotto, è intervenuta a nome dell’Amministrazione comunale l’Assessore con delega alle Attività Produttive Dafne Musolino: “Il Comune di Messina – ha dichiarato l’Esponente della Giunta De Luca – è assolutamente a sostegno delle attività produttive che rappresentano il settore maggiormente colpito dalle misure anti Covid. Da questo punto di vista l’attività di programmazione, anche amministrativa, ha consentito di individuare subito quali fossero i motivi principali della crisi; certamente la perdita degli introiti per la sospensione delle attività per un lasso di tempo che non è stato mai quantificato e si è sempre protratto col prolungamento della pandemia. Ciò ha impedito alle attività di comprendere quali potessero essere le soluzioni da adottare per fronteggiare un’emergenza prorogata di mese in mese. 

Nell’arco di tredici mesi, a cavallo tra marzo 2020 e aprile 2021, abbiamo subito messo in campo misure di sostegno per svariati milioni di euro: sedici milioni con la family card e dieci milioni con la PMI card grazie alla quale abbiamo fornito un contributo di tremila euro ad ogni attività sospesa. Oltre alle misure di sostegno e ai contributi erogati, c’è anche un importante piano promozionale di cinque milioni euro attraverso il quale l’Amministrazione comunale si è fatta promotrice di una cabina di regia per mettere tutte queste attività in una rete virtuosa in modo tale che si potessero superare le limitazioni territoriali, contrastando la grande concorrenza dell’e-commerce che li ha duramente colpite in questa fase di restrizioni. Queste sono le cifre stanziate dall’Amministrazione, alle quali bisogna aggiungere le ulteriori misure di sgravi ed esenzioni dalle varie tasse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− 5 = uno