Nell’ambito di una campagna di prevenzione e contrasto dei reati e degli illeciti, con particolare riferimento alle violazioni commesse da soggetti sottoposti ad obblighi o a particolari misure disposte dall’A.G., i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina hanno tratto in arresto un 28enne già noto alle Forze di Polizia, per resistenza a Pubblico Ufficiale e inosservanza delle prescrizioni inerenti la sorveglianza speciale. In particolare, intorno alle 12,30 di ieri, un equipaggio del Nucleo Radiomobile di Messina, durante un controllo di polizia in questa Piazza Verga, ha sorpreso il predetto in compagnia di un pregiudicato, e, nel corso del successivo controllo, spintonava i militari operanti opponendo loro mentre effettuavano una perquisizione personale. Nella circostanza, il predetto è stato arrestato atteso che tra gli obblighi imposti dalla misura di prevenzione vi era quello di non frequentare soggetti pregiudicati o sottoposti a misure di prevenzione, e stante altresì la resistenza opposta alla perquisizione personale.

Nei giorni scorsi, nel corso dei quotidiani servizi preventivi svolti dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Messina, nell’ambito del Piano Coordinato di Controllo del Territorio, e finalizzati alla prevenzione ed al contrasto dei reati e degli illeciti amministrativi, in particolare quelli connessi alla guida degli auto-motoveicoli in violazione delle vigenti normative con conseguente potenziale pericolo per la propria ed altrui incolumità, gli equipaggi delle gazzelle dell’Arma hanno deferito in stato di libertà quattro persone, ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, violazione colposa dei doveri inerenti la custodia di cose sottoposte a sequestro, guida in stato di ebrezza.

Nel medesimo contesto operativo, sette soggetti sono stati segnalati alla Prefettura di Messina, quale assuntori di sostanze stupefacenti, ed in particolare: Tutta la sostanza stupefacente rinvenuta, sottoposta a sequestro, opportunamente repertata, sarà trasmessa ai laboratori del RIS Carabinieri di Messina per le relative analisi qualitative e quantitative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


1 + sette =