Giovedì 14 febbraio è stato presentato in Conferenza stampa, presso i Salesiani di Messina (sala audiovisivi, primo piano, in via Lenzi), il progetto “Io Volo. Io Volontario” sostenuto dalla Fondazione CON IL Sud, con il CePAS come associazione capofila e come partner Avulss, Telefono Amico, Dipartimento economico “Pareto” (Università di Messina) e Oratorio Salesiano di Messina

Sono intervenuti don Umberto Romeo ed Enza Sofo, rispettivamente presidente e vicepresidente del CePAS – Centro Prima Accoglienza Savio, il direttore del Savio don Enzo Schilirò, Maria Grazia Lojacono (presidente dell’Avulss di Messina) ed Ennio Marino (presidente di Telefono Amico).

Il Progetto intende valorizzare e potenziare la rete costituita tra le associazioni di volontariato Cepas, Avulss e Telefono Amico insieme con l’Oratorio Savio e il Dipartimento “W. Pareto” di Economia, Statistica, Matematica e Sociologia dell’Università di Messina, già esistente e attiva da diversi anni sul territorio della città, al fine di qualificare, motivare e dotare di nuovi strumenti e tecniche di servizio attivo i volontari già aderenti alle associazioni e di stimolare nei giovani il senso civico e la partecipazione attiva.

Il Progetto prevede quattro momenti – azioni – articolati e orientati alla formazione di volontari impegnati in una presenza attiva nella Città.

Se don Romeo ha sottolineato l’importanza del valore politico del volontariato, in qualità di spinta e forza innovativa che funga da stimolo per le istituzioni, Enza Sofo ha sottolineato “il valore della rete e dell’azione volontaria in sinergia, nell’ambito di un progetto che punta alla qualificazione del volontariato delle associazioni mediante azioni formative (prima azione), all’educazione all’ascolto (seconda azione), a Giovani e Volontariato (terza azione) e a promuovere l’integrazione di studenti italiani e immigrati abilitandoli alla partecipazione sociale e alla cittadinanza attiva attraverso processi di peer education (la quarta azione), ovvero educazione alla pari”. Sull’importanza della collaborazione fra soggetti associativi diversi, per rafforzare la cultura del volontariato e l’impegno per far crescere le comunità, si sono soffermati anche Lo Jacono (Avulss) e Marino (Telefono Amico).

 

Il progetto

Il volontariato ha rappresentato e rappresenta una condizione essenziale per “lo sviluppo della società civile e per il consolidamento della vita democratica”. Esso infatti ha come base e fondamento la cultura della gratuità ed è orientato al raggiungimento dei principi di solidarietà e giustizia sociale, al rispetto dei diritti di ognuno e di tutti, alla cittadinanza attiva e responsabile.

 

P E R C O R S O

Azione I – Progettare il cambiamento

 

Obiettivi:

• Qualificare i volontari delle associazioni mediante azioni formative in grado di rafforzare le capacità di riconoscere i bisogni e di attivare le risorse del territorio per una progettazione sociale condivisa.

• Potenziare, inoltre, la capacità della rete di incidere sulle politiche sociali del territorio.

• Coinvolgere altri attori sociali e gli enti locali per creare un tavolo permanente di consultazione e programmazione anche in funzione delle indicazioni della L. 328/00.

L’azione sarà articolata in cinque incontri, diretti da esperti nel settore.

 

Azione II – Educazione all’ascolto

 

Obiettivi: Promuovere l’acquisizione di nuove competenze e abilità fornendo ai partecipanti strumenti e tecniche per l’ascolto empatico e attivo.

La valorizzazione delle competenze e delle esperienze di volontari impegnati da anni in servizio ai malati, emarginati e disagiati, sarà certamente una comunicazione viva e testimoniante.

Si prevede di realizzare un laboratorio formativo, suddiviso in cinque incontri.

 

Azione III – “I Care”. Giovani e Volontariato

 

Obiettivi: Stimolare i giovani e accompagnare quelli che lo desiderano ad intraprendere un percorso formativo sul tema dell’attenzione all’altro, alla base del concetto stesso di volontariato.

Si prevede la realizzazione di 3 incontri e 1 campo-scuola, diretti da facilitatori, esperti e volontari della rete, rivolti ai giovani studenti per avviarli al volontariato.

Azione IV – Giovani Peer Educator

Obiettivi: Promuovere l’integrazione di studenti italiani e immigrati abilitandoli alla partecipazione sociale e alla cittadinanza attiva attraverso processi di peer education.

L’attività sarà suddivisa in 3 moduli. Il primo con modalità interattive sarà finalizzato all’acquisizione di competenze emotive, relazionali e operative per favorire l’ empowerment e l’integrazione degli studenti italiani e immigrati nel contesto scolastico e sociale. Il secondo modulo sarà indirizzato a trasmettere conoscenze e consapevolezza sui principi e tematiche della cittadinanza attiva, soprattutto sulla legalità. Il terzo modulo invece consisterà nella trasmissione ai coetanei delle conoscenze e competenze acquisite, attraverso metodologie e linguaggi in uso nei giovani.

 

Il programma

Progettare il cambiamento

Per la Costruzione di uno Spazio Comune

 

Coordinatore: Salvatore Rizzo – Centro Studi Ecos-Med

 

14 febbraio, ore 16.30-19.30

Ricognizione del contesto territoriale: “Crisi epocale?”

Mario Schermi – Istituto Centrale di Formazione, Dipartimento Giustizia Minorile, Ministero di Giustizia

Guido Signorino – Università degli Studi di Messina

 

1 marzo, ore 16.30-19.30

Appartenenza alla Comunità, condivisione non solo indignazione

Paolo Fichera, SDB – Istituto Teologico San Tommaso

Raffaella Casablanca – Comunità di Sant’Egidio

 

15 marzo, ore 16.30-19.30

Ricognizione delle risorse: riflettere e progettare in gruppo

Loredana Pumo, coordinatrice LUdE

Rosario Ceraolo – CESV Messina

 

5 aprile, ore 16.30-19.30

Per un modello di welfare che non lasci indietro nessuno

Gaetano Giunta, Fondazione di Comunità Messina

Ennio Marino – Osservatorio Difesa Infanzia ”Lucia Natoli”

 

17 aprile, ore 16.30-19.30

Proporre sistemi di sperimentazione e programmazione sociale

Gaetano Giunta, Fondazione di Comunità Messina

Enza Sofo – CePAS

 

14 maggio: Seminario Conclusivo

 

 

Segreteria Contatti: CePAS, 98122 Messina, sede sociale: via Lenzi, 24

Telefono: 0907769031, Fax: 0907769056, e-mail: cepas@salesianisavio.me.it – codice fiscale 97020440836

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× cinque = 45