Piero Bonaguri_DSC01882Confermato il concerto dell’Orchestra Multietnica “Ritmo Live” il prossimo sabato 15 febbraio, ore 18:00, presso l’Auditorium del PalaAntonello, per il cartellone dell’Accademia Filarmonica di Messina. Messina, mercoledì 12 febbraio 2014. L’Accademia Filarmonica di Messina è lieta di potervi confermare il concerto dell’Orchestra Multietnica “Ritmo Live” del prossimo sabato 15 febbraio ore 18:00, presso l’Auditorium del PalaAntonello, così come previsto nel cartellone stagionale 2013-14. La performance si profila come una perla della musica tribale e percussionistica perché realizzata da un magnifico gruppo peloritano di ben 19 elementi sul palco: Borgia Angela, Brancatelli Maria Chiara, Camarda Davide, Dulanjana Rasith, Ferraguto Andrea, Kalhara Malith, Kavishka Sachin, Maduranga Isuru, Manganaro Giovanna, Merlino Emilia, Naccari Letterio, Pavone Vincenzo, Pezzino Angelo, Piccolo Riccardo, Rasanga Samith, Ruggeri Gabriele, Sangeeth Chalana, Schirò Agata e Sihan Sajith. A dirigerli la M° MARIA GRAZIA ARMALEO, brava percussionista e titolare di cattedra al Conservatorio di Musica “A. Corelli” di Messina.

Questa orchestra è stata definita “un arcobaleno smisurato di suoni e vibrazioni”. E’ la prima formazione che legge la musica con l’esclusivo sistema di notazione simbolica ed è costituita soprattutto da esecutori senza competenze musicali specifiche che “interpretano” con cognizione questo sistema di scrittura. E’ stata riconosciuta, nel 2012, tra le 19 ensemble multietniche presenti in Italia, per conto del MEI (Meeting etichette indipendenti) ed inserita nella pubblicazione “Orchestre e bande multietniche in Italia”, edita nel 2013 da Zona.

Una curiosità: “Ritmo Live” ha esordito a Messina in occasione della “Notte della Cultura 2011” quindi è particolarmente entusiasta di partecipare ancora una volta in questa ricorrenza come realtà musicale consolidata.

Lo spettacolo cade casualmente nella data della “Notte della Cultura 2014” a cui si incastra in modo indipendente perché non tratterà il tema “Antonello da Messina” e, allo stesso tempo, sul filone sinergico della promozione artistica della città.

L’Accademia Filarmonica ha inoltre avuto contatti diretti fino questa mattina con l’Assessore Comunale alla Cultura, Tonino Perna per poter sviluppare in maniera programmatica la questione della fruizione gratuita del PalaAntonello, lasciata in sospeso. L’esponente della Giunta Accorinti ha garantito che, superata la fase di organizzazione della “Notte della Cultura”, si siederà ad un tavolo insieme all’Accademia Filarmonica ed altre associazioni musicali ed artistiche in genere per pianificare l’utilizzo del Palazzo di viale Boccetta, cercando di abolire richieste finanziarie onerose da parte dell’Amministrazione comunale e valorizzando la validità delle proposte culturali.

Dopo il godibile concerto del chitarrista internazionale M° Piero Bonaguri alla Sala Sinopoli del Teatro V. Emanuele, l’Accademia si augura di poter ospitare tutti gli eventi musicali al Palacultura per offrire agli artisti la migliore qualità possibile in termini di acustica. Il M° Bonaguri, ammirato in tutto il mondo dal pubblico e dalla critica, ha dato prova della sua tecnica esemplare con il suo “OMAGGIO A SEGOVIA”, l’interprete supremo della musica del Novecento. Andrés Segovia, che è stato anche docente di Bonaguri, ha detto di lui: “Avrà presto un nome illustre fra i migliori chitarristi di questo tempo”.

Lo strumentista romagnolo ha eseguito un repertorio che pesca nelle pagine più belle del suo Maestro. Questo segno di continuità con l’opera dell’artista spagnolo è stato scritto appositamente da Davide Anzaghi nel 2012, su richiesta di Bonaguri, in occasione del 25° della scomparsa di Segovia. Il programma si è svolto con musiche di De Narvàez, Haendel e la sua “Sarabanda con Variazioni”, trascritta da Segovia come anche “Chaconne” di Bach e “Sevilla” di Albeniz; poi ancora, musiche di Sor con “Minuetto & Rondò” op. 22, Anzaghi, Castelnuovo-Tedesco e Torroba.

Apprezzabile spettacolo intimista, proposto nelle teatri più importanti al mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


7 − due =