Alle prime luci dell’alba i Carabinieri delle Stazioni di Maida e Pianopoli, coadiuvati da militari della stazione di Cosenza Nord, hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari. L’operazione è stata eseguita in Cosenza, i soggetti si identificano in: MANZO Patrizia nata a Cosenza il 06.12.1974, ivi residente; LUCE Francesca, nata a Cosenza in data 09.01.1982, ivi residente; BEVILACQUA Francesco nato a Cosenza il 08.10.1975, ivi residente.

I tre sono accusati di aver perpetrato diversi furti con destrezza, ai danni di alcuni avventori e lavoratori del Centro Commerciale “2Mari”, oltre che ai danni di alcune attività commerciali in Pianopoli e Falerna. Le indagini sono state seguite dalla Stazione di Maida e Pianopoli, condotte dai Marescialli VALERIO e CARCHIDI, e coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme – Dott.ssa Rosanna ESPOSITO.

L’attività è iniziata nel mese di settembre 2012 e si è protratta sino al mese di novembre, in particolare con la denuncia di una commessa presso una delle tante attività del centro commerciale, il modus operandi riscontrato la prima volta è rimasto sempre lo stesso, i tre, sfruttando la confusione della vendite aggiravano il bancone e prelevavano il borsello della giovane vittima, impossessandosi di contanti e della carta di credito, che spesso veniva utilizzata per fare acquisti e prelievi nello stesso centro commerciale, il tutto prima che la vittima si accorgesse del furto e potesse bloccare la carta. Di qui le indagini condotte in modo serrato che hanno fatto luce su almeno 7 furti commessi in diversi giorni.

Il danno totale ammonta a circa 6000€, tra denaro prelevato e acquisti fraudolenti con carte di credito (anche 1200€ in una sola volta), oltre che il classico taccheggio di strumenti per elettronica e cosmetici, in un caso è stato anche scoperto il furto effettuato in Pianopoli presso un noto tabacchino. Le prove raccolte sono molteplici e gravi e si basano su dati incrociati grazie alla lungimiranza dei militari delle Stazioni di Maida e Pianopoli che hanno condiviso denunce e indizi, incrociando decine di fotogrammi oltre che riconoscimenti dei volti dei tre effettuato da alcune commesse, perquisizioni e rinvenimenti di portafogli gettati nella spazzatura dai malfattori dopo aver prelevato la refurtiva. I tre, ora detenuti presso i loro domicili in Cosenza, dovranno rispondere del reato di furto con destrezza in concorso, continuato nel tempo. (Legione Compagnia Carabinieri Girifalco)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


5 − = tre