Nel pomeriggio di sabato 16, i militari della Stazione Carabinieri di Maida hanno tratto in arresto M. P., un operaio incensurato, 47 anni,  di Curinga, l’arresto è scaturito dopo una lunga serie di appostamenti relativi alle indagini per i continui furti ad un noto ingrosso di materiali per agricoltura. I responsabili dell’attività commerciale hanno denunciato in diverse occasioni ammanchi di materiale, specialmente motoseghe per un valore di diverse migliaia di euro, eppure ogni mattina il cancello e le porte dei magazzini erano sempre integri. Di qui il sospetto di un dipendente “infedele” che presumibilmente asportava materiale di cui aveva la disponibilità.

 Le indagini son scattate immediatamente e si sono protratte per alcune settimane, sino a sabato quando i militari hanno sorpreso  M.P. alla guida della vettura con all’interno occultate sotto una coperta numerosi articoli e ricambi proprio per motoseghe. Non potendone giustificare il possesso,  è stato tratto in arresto per furto aggravato. Nella mattinata odierna il Giudice del Tribunale di Lamezia Terme ha convalidato l’arresto rinviando il giudizio nel settembre prossimo.