Immagine dal web
Immagine dal web

Anche il Comune di Isca sullo Jonio si appresta a trasferire la funzione “Urbanistica” all’area tecnica dell’ “Unione dei Comuni del Versante Ionico”. Il passo ufficiale dovrà essere sancito dal prossimo consiglio comunale chiamato ad approvare la convenzione con la quale l’amministrazione cittadina, guidata dal sindaco Pierfrancesco Mirarchi, seguirà le orme lasciate dal Comune di San Sostene, che già da qualche mese ha trasferito tutte le competenze (Urbanistica, Lavori pubblici, etc.) del proprio ufficio tecnico a quello dell’ente intercomunale. Isca dovrebbe trasferire, però, solamente il settore dell’ “Urbanistica” mantenendo per il momento le altre competenze in capo al proprio ufficio tecnico,che vede a capo l’ing. Maurizio Benvenuto. Un passo che, con ogni probabilità, verrà imitato man mano anche dagli altri cinque Comuni della “Versante Ionico” – si tratta di Guardavalle, Santa Caterina, Badolato, Sant’ Andrea e Cardinale – che, nel volgere di qualche tempo, potrebbe così diventare il centro nevralgico dell’attività tecnica per un bacino complessivo di oltre 15.000 abitanti. Tale possibilità emerge non solo dalle intenzioni, manifestate o meno, delle varie municipalità ma dal contenuto della legge n. 122 del 2010. Questa, infatti, impone ai Comuni con una popolazione inferiore ai 5.000 abitanti la gestione associata dei servizi essenziali in materia di amministrazione, di gestione e di controllo, di polizia locale, istruzione pubblica, viabilità e trasporti, in ambito sociale, di gestione del territorio e ambiente. Una linea ben precisa lungo la quale, dunque, gli enti locali del basso Jonio soveratese dovranno convergere, proseguendo lungo la scia già tracciata nel campo dei “Servizi sociali” e del settore “Tributi”, la cui funzione è stata ormai completamente trasferita dai Comuni all’ “Unione”. Insomma si tratta di un passo amministrativo certamente importante, più volte dibattuto in aula, la cui realizzazione, come detto, è ora affidata al “nulla osta” che dovrà dare il civico consesso.(f.r.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 3 = nove