voler-bene-allitalia-2017-logoCaro Tito,  che io sia felice, oggi, è dir poco! E voglio condividere con te tale mia felicità, informandoti su due cose importanti ed essenziali (almeno per me). La prima cosa è che dal 2 al 4 giugno avrà luogo la  quattordicesima edizione della “Festa dei piccoli comuni – Voler bene all’Italia” promossa da Legambiente. In migliaia di piccoli paesi verranno realizzate un’infinità di manifestazioni (specialmente culturali, turistiche, artistiche, spettacolari, eno-grastronomiche, ecc.) tendenti a promuovere e valorizzare (a volte, pure a scoprire) le realtà evidenti o nascoste della nostra cosiddetta “Piccola Italia” che riserva sempre sorprese preziose e memorabili. Chi vuole saperne di più può consultare i siti locali e quelli nazionali (www.piccolagrandeitalia.itwww.borghiautenticiditalia.itwww.legambiente.it ed altri simili).

badolato_4_dimensioni-comuneGià fin dalla prima edizione di domenica 28 marzo 2004 (di cui ho lasciato traccia alle pagine 251-252 nel primo volume del “Libro-Monumento per i miei Genitori”  – 2005)  avevo esultato (pure pubblicamente) per tale meravigliosa e necessaria iniziativa da me auspicata durante il biennio di “Badolato paese in vendita” specialmente quando proprio 30 anni fa (domenica 7 giugno 1987), con il patrocinio del quotidiano cattolico “Avvenire” e la collaborazione della Parrocchia di Badolato Superiore, ho organizzato  (a spese mie, forse è superfluo dirlo ormai) la “Visita delle chiese del borgo di Badolato” con una guida generosa e speciale, quale è stato il sensibile e compianto sacerdote don Vincenzino Gallelli (parroco del borgo e anche rettore del Santuario della Sanità di Badolato) innamorato  come me e come tanti del nostro paese natìo.

badolato_4_dimensioni-pro-loco-1982I partecipanti furono tantissimi, al di là delle previsioni e delle aspettative, non soltanto per la enorme pubblicità data all’evento dai mass-media di allora, ma anche perché ero riuscito a fare inserire tale manifestazione nel contesto nazionale “Clik l’ambiente” promossa da Legambiente (assieme ad altri organismi di difesa e valorizzazione ambientale) per cui pure l’iniziativa di Badolato era stata riportata da tutti i giornali italiani. Gli intervenuti (provenienti anche da altre zone della Calabria) erano attorno a duecento. Per molti di loro, la visita alle chiese era un’utile occasione per togliersi la curiosità di conoscere di persona il borgo che da oltre 8 mesi era ormai alla continua ribalta televisiva e della stampa cartacea.

locandina_voler-bene-allitalia_badolato-2-giugnoE’ stata per tutti un’esperienza memorabile che ha suscitato così tanto entusiasmo da contribuire a far rinascere in parecchi badolatesi l’amore per il proprio borgo antico e, in particolare, per le 13 chiese più antiche, artistiche e storiche. In quell’occasione ho chiesto alla Congrega dell’Immacolata di stampare una cartolina con la dicitura “Badolato paese d’arte” … poiché tale è sempre stato e continua ad essere. La Congrega realizzò una bella cartolina con quella dicitura mai usata fino ad allora per Badolato. E, come “paese d’arte”, ho cercato di farlo inserire (qualche settimana dopo) nel circuito nazionale delle “Città d’Arte” ma purtroppo invano dal momento che Amministrazione comunale comunista in carica mi aveva dato il “ben servito” (cioè non mi aveva rinnovato il contratto di Bibliotecario incaricato, scaduto proprio il 31 maggio 1987). Ma, nonostante tale “licenziamento”, ho continuato a preoccuparmi della vicenda del “paese in vendita” che riscuoteva ancora tantissimo successo, specialmente nei mass-media internazionali.

legambiente_logoAdesso, nell’imminente venerdì 02 giugno 2017 (Festa della Repubblica Italiana), pure nell’àmbito dell’iniziativa del Ministero per i Beni Culturali “2017 anno dei borghi” e dell’evento nazionale “Piccoli comuni in festa – Voler bene all’Italia” di Legambiente ma soprattutto grazie agli attivissimi giovani dell’AOPT (associazione operatori turistici della “Riviera e Borghi degli Angeli”), a Badolato Superiore (costa jonica della provincia di Catanzaro) avrà luogo uno “Slow Tour per le vie del centro storico alla scoperta delle bellezze del borgo attraverso testimonianze narrate” (raduno alle ore 17,00 in Piazza Castello). Parteciperanno anche delegazioni di cittadini di Serrastretta e di Roccella Jonica. A fine escursione sarà possibile trascorrere, assieme, momenti conviviali in ristoranti locali degustando specialità eno-gastronomiche di uno dei più completi territori mediterranei, posto com’è  in modo esclusivo nelle quattro stupende dimensioni naturalistiche di mare, collina, montagna e lago (vedi miei depliant del 1982).

Dott. Guerino Nisticò
Dott. Guerino Nisticò

Il cosiddetto “Cammino della bellezza” (come è denominata la manifestazione dell’AOPT) porta dritto dritto a Badolato borgo, con il patrocinio e la collaborazione anche del Comune, della Pro Loco e de “La Radice” di Badolato, nonché con il sostegno di Legambiente Calabria, di Slow Food Versante Jonico di Soverato, di Terra Madre – Borghi in Comunità, di Menowatt. Per info: dr. Guerino Nisticò tel. 338-4709111 Badolato.

Come è ormai assai noto, a Badolato borgo è possibile incontrare persone di ogni latitudine e longitudine, ma soprattutto danesi, svedesi, norvegesi, tedeschi, inglesi, americani, persino islandesi che hanno acquistato casa e che ci vivono sempre o più volte l’anno. Ma questo è il “Nord del mondo”.

Dott. Domenico Leuzzi
Dott. Domenico Leuzzi

Tale aspetto internazionale, anzi globale, è stato rafforzato dai richiedenti asilo, provenienti dal “Sud del mondo” e presenti in vario modo dal 1997 (nave Ararat, si ricorderà). Partecipare all’imminente “CAMMINO DELLA BELLEZZA” sarà, così, possibile pure per conoscere la ormai arcinota “humanitas badolatese” che accoglie ed ama tutti. Quindi, non soltanto bellezze artistiche e amenità naturalistiche, bontà eno-gastronomiche, ma anche bellezze intercontinentali e valori umanistici e solidali, quali Badolato ha sempre rappresentato in quasi 4 mila anni di storia, fin da quando in questo territorio calabrese è nato il nome “Italia”. Badolato, perciò, aspetta chi ama la bellezza valoriale ed estetica con la sua storia passata, presente e futura.

Caro Tito, l’altra cosa importante ed essenziale che mi rende felice, oggi più che mai, è sapere che c’è un validissimo gruppo di giovani che stanno prendendo in mano (quasi per “vocazione”) il miglior destino di Badolato ma anche della sua interzona delle Serre e della Costa jonica che avevo cercato di valorizzare fin dal 1972-73 con il Consorzio intercomunale “Riviera degli Angeli” (ricorderai, a riguardo, le lettere a te indirizzate n. 8 – 9 – 10  del 19 e 26 novembre, 03 dicembre 2012 e la lettera n. 63 del 23 novembre 2013). Ma evidentemente 45 anni fa i tempi, purtroppo, non erano ancora maturi per quella mia lungimiranza.

logo-borghi-e-riviera-degli-angeli-badolatoAdesso (dopo tanti utili eventi come “Badolato in vendita” dal 1986 e “Badolato solidale” dal 1997-2002)  i tempi sono più maturi e chi si impegna oggi ha più  probabilità di riuscire, così come ci sono riusciti alla grande già da parecchi anni i giovani professionisti che hanno creato la “Costa degli Angeli srl” – www.costadegliangeli.com – riscuotendo tanto successo specialmente all’estero (in particolare nel Nord del mondo, USA ed Europa).

ferdinandea-travel-badolato-marinaIl suo bravissimo “leader sul campo” è il dottore Domenico Leuzzi, plurilingue (coastofangels@virgilio.it tel. 328-1655773). Da qualche anno sono super-attivi pure i giovani professionisti aggregati attorno alla AOPT – associazione operatori turistici “Riviera e Borghi degli Angeli” (www.rivieradegliangeli.itinfo@rivieradegliangeli.it) con base in “Ferdinandea Travel” – Badolato Marina.

sede-di-costa-degli-angeli-srl-badolatoSono assai lieto di questa nuova generazione che s’impegna per il proprio territorio, come ho fatto in tanti decenni. E sono veramente felice che i giovani appena descritti abbiano preso spunto da quell’idea della “Riviera degli Angeli” proposta nel 1972-73 a tutte le istituzioni, le aziende e gli operatori socio-economici e turistici ma troppo sfortunata anche perché boicottata dalla miope politica di allora. Adesso alla mia età è favoloso vedere che qualche mio seme (di decenni fa) abbia trovato un qualche riscontro nella mente e nei cuori di persone lodevoli e di buona volontà, che vanno incoraggiate e sostenute al massimo possibile.

2017-anno-dei-borghi-italiani

Perciò, ti ringrazio tantissimo e di vero cuore, caro Tito, per voler dare spazio a queste belle ed utili iniziative che onorano e valorizzano il nostro territorio e la nostra gente, mentre sono di esempio pure per altre realtà. Sempre riconoscente e grato, ti saluto con tanta cordialità e stima, affetto e lungimiranza!

Domenico Lanciano                                                                                                                                Costa dei Trabucchi (Abruzzo) martedì 30 maggio 2017 ore 18,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 − due =