PAPA_FRANCESCO_-_AL_REGINA_CAELI_130401Ci sarà questo incontro-miracolo molisano il prossimo 5 luglio? Il “Movimento contro lo spopolamento per il riequilibrio territoriale” di Agnone del Molise, nella persona del suo fondatore responsabile Domenico Lanciano, ha inviato una “lettera-appello” a Sua Santità Papa Francesco e al Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi, invitandoli ad incontrarsi il prossimo sabato 5 luglio proprio in Agnone, in occasione della visita del Papa in Molise già annunciata dal Vaticano.

 Agnone viene indicato come luogo prototipo di quello spopolamento eccessivo almeno da contenere e da arginare se si vuole evitare la necrosi dei territori montani e delle altre aeree interne, cosa che non gioverebbe assolutamente a nessuno. La lettera è stata inviata per conoscenza pure al Vescovo di Trivento, mons. Domenico Scotti, e al Metropolita del Molise, mons. GianCarlo Maria Bregantini, Arcivescovo di Campobasso.

 renzi consiglio n.1Il Papa Francesco potrebbe tornare a dare una carezza alle montagne altomolisane proprio come fece il Papa Santo Giovanni Paolo II nel pomeriggio di domenica 19 marzo 1995. L’incontro con Renzi in Agnone potrebbe risultare storico per tutte le regioni spopolate d’Italia, d’Europa e del mondo intero e potrebbe significare l’inizio faticoso ma irrinunciabile del riequilibrio planetario. Inoltre, Papa Francesco potrebbe incontrare in Agnone anche la famiglia di Capracotta conosciuta in Argentina e alla quale pare abbia promesso una visita quando era cardinale di Buenos Aires.

 “Le città scoppiano e i paesi muoiono” è lo slogan-verità del Movimento ed è stato ribadito anche a Papa Francesco e al Presidente Renzi, con l’agognato auspicio che entrambi possano incontrarsi veramente in Agnone del Molise per aprire una nuova pagina di speranza per le popolazioni più sofferenti. Avverrà questo incontro-miracolo?… Il Movimento di Agnone ci crede proprio tanto!

Redatto da Domenico Lanciano, pubblicista dell’Ordine dei Giornalisti del Molise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− cinque = 4