L’azione cattolica ragazzi ha fatto festa a Giovino. Musica, giochi e la messa di monsignor Bertolone Venerdì, 03 Giugno 2011 16.30 Quando ingredienti come la musica, l’intrattenimento e la preghiera si uniscono a centinaia di bambini, il risultato che ne esce fuori è che una giornata con l’Acr non si dimentica. L’equipe dell’Azione Cattolica Ragazzi di Catanzaro formata dai responsabili: Benito Gironda Veraldi, Alessandro Cristiano, Federico Valia, Stefano Muzzi, Ylenia Russo e Antonio Gigliotti, presso il Poligiovino di Catanzaro Lido, l’edizione 2011 della ”festa degli incontri’ nella quale hanno partecipato 13 parrocchie della diocesi Catanzaro-Squillace quali: Badolato, Gagliano, Gasperina, Stalettì, Girifalco, Guardavalle, Conventino, Madonna dei Celi, Osservanza, SS. Salvatore, S. Anna, S. Croce e S. Vito, per una presenza totale di circa trecento persone tra le quali oltre 200 tra bambini e ragazzi. Inoltre erano presenti: il presidente diocesano di Azione Cattolica Francesco Chiellino, l’assistente unitario Don Pantaleone Greco e il consigliere nazionale di Azione Cattolica Luca Torcasio. L’evento è iniziato con l’accoglienza e poi con la celebrazione della Santa Messa. Successivamente gli educatori hanno intrattenuto con i giochi i propri ragazzi per il resto della mattinata fino all’atteso arrivo del Monsignor Vincenzo Bertolone. Il nuovo vescovo di Catanzaro, con le sue parole, ha contribuito ad arricchire di senso la grande giornata coinvolgendo tutti in una discussione amichevole nella quale i più piccoli hanno potuto cogliere l’occasione di porgere qualche domanda riguardo la chiesa, la fede e la voglia di continuare in futuro ad essere buoni cattolici. Dopo il saluto al vescovo e una breve pausa pranzo si è poi ritornati a giocare sul campo del Poligiovino. Un breve intervento è stato poi offerto da parte dell’organizzazione al gruppo Breccia Marina che ha voluto offrire il proprio contributo con il servizio d’ordine cogliendo anche l’occasione di rivolgere e promuovere la propria idea ai più piccoli riguardo la tutela del proprio quartiere. In una giornata in cui ha regnato l’apprendimento dei sani valori misti al divertimento e all’aggregazione a sostegno della buona crescita, il messaggio che si è rivelato estremamente chiaro è stato il fatto che ”c’è di più’ quando s’impara a crescere insieme e a donare un sorriso a chi ci sta accanto. La manifestazione si è poi conclusa con il concerto e i balli di gruppo a conferma del fatto che l’Acr, come cita una sigla musicale, è tutta un’altra musica.

Fonte: catanzaroinforma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


× sei = 6