L’assessore regionale alla Cultura Mario Caligiuri, intervenendo al convegno “La Certosa di Serra Bruno nelle politiche dei beni culturali della Regione Calabria”, promosso dal presidente della terza Commissione del Consiglio Regionale Nazzareno Salerno, ha detto che “La Calabria ha anche un immenso patrimonio spirituale e religioso che la Regione sta ponendo in evidenza”. Caligiuri, dopo aver evidenziato l’importanza culturale dell’area delle Serre, patria del poeta Mastro Bruno Pelaggi, del quale proprio quest’anno cade il centenario della morte, di Sharo Gambino, intellettuale recentemente scomparso, ha ricordato alcuni degli investimenti che la Regione sta programmando per le fabbriche delle armi di Mongiana, per il Convento di San Domenico di Soriano, per il villaggio minerario e la Cattolica di Stilo, per le miniere di Pazzano e per il Museo di Bivongi.

La manifestazione, che si è svolta al Museo della Certosa, è stata introdotta dal sindaco di Serra, Bruno Rosi. Ha chiuso i lavori il consigliere Salerno il quale ha messo in evidenza “il cambio di passo del Governo Scopelliti, in tutte le direzioni, a cominciare dalle politiche scolastiche e culturali, ed ha anche ricordato le diverse proposte di legge prodotte dall’assessorato, tra le quali quella sulla valorizzazione del dialetto e sulla promozione di Aloysius Lilius, il filosofo e matematico, nato a Cirò, inventore del calendario perfetto promulgato da Gregorio XIII. p.g.

Regione Calabria