IMG_20140224_181435148“Da sempre il rispetto delle Regole costituisce un presupposto imprescindibile per il corretto e leale svolgimento di ogni competizione sportiva. Non può esserci rispetto, però, senza conoscenza e comprensione da parte di tutti i protagonisti.”

Partendo da queste parole del Presidente dell’AIA, Marcello Nicchi, che il Presidente della Sezione AIA di Locri ha fatto sue già da alcuni anni, si è svolto presso i locali dell’Associazione Italiana Arbitri di Via Regina Margherita di Savoia a Locri un interessante ed importante incontro tecnico – formativo voluto proprio dal Presidente Rispoli, invito positivamente raccolto dalla dirigenza della società calcistica dell’A.C. Locri 1909, iscritta ai campionati regionali del settore giovanile, che ha inviato, nel prenderne parte, il mister della squadra, Alessandro Schiavello, insieme a numerosi giovani calciatori della compagine amaranto.

Nel corso dell’appuntamento sono state affrontate diverse tematiche molto importanti, ma soprattutto nello specifico quelle incentrate sull’aspetto tecnico dal regolamento ufficiale del giuoco del calcio, toccando rapidamente anche altri vari aspetti come il codice etico dell’arbitro, l’importanza della coesistenza dei “due mondi” (quello arbitrale e quello calcistico) che appartengono alla stessa grande “famiglia”, fino alle regole di rispetto reciproco tra le parti. Dopo una prima fase di “studio”, tutti i ragazzi presenti hanno iniziato con curiosità ed ottima propensione ad interagire con il Presidente Rispoli, arrivando a proficui scambi di opinioni ed interventi chiarificatori.

L’opportunità offerta da questi incontri è quella di conoscere meglio non solo il regolamento del giuoco del calcio, ma anche l’approfondimento della figura arbitrale, dal motivo delle scelte fatte in campo, così come dell’importanza del ruolo che la “giacchetta nera” riveste, oltre agli “incarichi” di responsabilità di cui è rivestito. Molte di queste cose, è bene sottolinearlo, il più delle volte non vengono tenute in considerate dalle società, e questo può determinare una distorsione dell’immagine arbitrale.

La finalità è quella di condividere tra tutte le componenti interessate, un percorso comune basato sul rispetto reciproco, sulle regole dello sport e dei suoi sani principi. Per questo motivo, il Presidente Rispoli, si augura che anche altre società calcistiche della Locride, come già indicato da un paio d’anni, possano richiedere incontri come quello tenutosi con l’A.C. Locri, dando la propria disponibilità in tal senso ad affrontare qualsiasi tematica riguardante il mondo arbitrale in particolar modo affrontando l’aspetto tecnico.