metroferroviaPendolare di Giampilieri Marina: vi scrivo per segnalare l’ennesima caduta di stile e disfunzione di Trenitalia Chi vi scrive è un pendolare, che ogni mattina da Giampilieri Marina si reca alla locale stazione FS per prendere il treno regionale per Messina. Ma questa mattina non è andata come tutte le altre mattine. Recatomi davanti alla porta del passaggio pedonale (bellissima e nuova struttura in vetro e cemento realizzata per la metroferrovia fantasma!), che dalla SS114 porta direttamente dentro la stazione, noto con mio grande stupore che la porta è chiusa. Quindi, costretto a percorrere a piedi la pericolosissima strada provinciale che dalla SS114 porta fino alla stazione FS (e prosegue fino a Giampilieri – Molino -Altolia), per mancanza di marciapiedi pedonali, giunto dentro la stazione noto con ancor più stupore che la saracinesca interna di collegamento con il passaggio è chiusa: Sbarrata! Chiedo spiegazioni al capostazione e questi mi risponde, molto gentilmente, che durante ispezioni notturne, il personale di Trenitalia ha notato ripetutamente ed in più occasioni escrementi all’interno del passaggio pedonale, per cui hanno deciso, essendo una struttura dedicata alla metroferrovia e non potendo permettersi di pagare il lavoro straordinario del personale delle ditte di pulizia, di chiudere senza preavviso definitivamente il passaggio pedonale creando così un considerevole disagio ai numerosi pendolari che ogni giorno si servivano del passaggio pedonale per recarsi in stazione. Escrementi? Ma quali escrementi! Nel passaggio pedonale non sono state mai fatte pulizie o almeno vengono fatte molto di rado, a testimonianza di ciò la polvere accumulata. Per cui se ci fossero stati degli escrementi sicuramente sarebbero stati notati da me e da tutte le persone che giornalmente usufruivano del passaggio. Comunque, questa non mi sembra una buona giustificazione per negare un servizio ai cittadini, perchè seguendo questa logica allora l’intero compartimento di Trenitalia in Sicilia dovrebbe chiudere battenti per la condizione in cui noi pendolari siamo costretti a viaggiare su treni sporchi e vetusti. Quindi non basta averci tolto la metroferrovia (foto Sturiale) con la scusa dei problemi tecnici sulla linea durante la famigerata alluvione del 1 ottobre, ora l’ennesima beffa con la chiusura di un comodo e sicuro passaggio pedonale. Quanto ancora noi cittadini messinesi dovremo subire prima di ribellarci a tutti i soprusi fatti sulle nostre spalle e a tutti gli sprechi perpetuati con i nostri soldi?

Tempostretto.it – Fabrizio De Gregori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


tre + = 8