12 gennaio 2010 – La convenzione con la società è scaduta il 29 dicembre del 2009.  La lettera di convocazione inviata dal presidente della Giunta dell’Unione dei Comuni, Luigi Aloisio ai vari enti è molto diretta e convoca per domani 13 alle 15 un incontro urgente. considerato che la convenzione della calabria ambiente è scaduta a dicembre 2009. La missiva è stata inoltrata al presidente della Giunta regionale ,Agazio Loiero, all’assessore regionale all’Am – biente, Silvio Greco, al presidente della Giunta provinciale Catanzaro, Wanda Ferro all’ Assessore all’Ambiente della Provincia Catanzaro prefetto di Catanzaro ai sindaci di Guardavalle, Santa Caterina, Badolato, Isca sullo Jonio, Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, Poli di Soverato, Catanzaro, Sellia Marina e Soveria Simeri. Di seguito il testo della lettera. «Preso atto che i lavoratori della società Calabria Ambiente, che ha gestito sino al 31 dicembre 2009 gli impianti di depurazione ubicati nei Comuni di Isca sullo Jonio, Guardavalle, Santa Caterina, Soverato, Catanzaro, Sellia Marina e Soveria Simeri, sono oggi presenti presso la sede dell’Unione dei Comuni (ex Comunità Montana) in Isca sullo Jonio, per protestare sul sistema di gestione della depurazione avviato dai comuni in indirizzo; Preso atto che i predetti lavoratori dichiarano di non avere potuto interloquire con i rappresentanti della Regione Calabria e della Provincia di Catanzaro, nonché con la Prefettura di Catanzaro per risolvere i loro problemi occupazionali; Dato atto che, alla data odierna, questo Ente non è ancora titolare della depurazione dei predetti comuni, in quanto l’iter relativo al procedimento di delega della funzione nonè ancora completo; Facendo seguito alla precedente nota in cui si evidenziava l’occupazione della sala consiliare da parte dei predetti lavoratori, convoco un incontro presso la sede dell’Unione dei Comuni del Versante Ionico ubicata in Isca sullo Ionio, Via Paparo, n. 2, Frazione Marina, per il giorno 13 gennaio 2010, ore 15, per le eventuali opportune iniziative che gli Enti interessati debbono assumere».Si attendono gli sviluppi nei prossimi giorni.

Il Quotidiano del 12 gen 2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− sette = 0