ModIMG_2059-1-1_resizedSilvana Paratore intervista al Colonnello Pilota Comandante Giuseppe Minutoli del gruppo aeronavale della Guardia di Finanza di  Messina

S. PARATORE: Colonnello MINUTOLI, cosa si prova da messinese, nel vivere un Evento, come quello della toccante Cerimonia di consegna delle Bandiere Navali ad equipaggi che, tra gli altri alle Sue dipendenze, continuano ad operare con Eroico senso del dovere (come sottolineato, tra l’altro, dal Comandante Operativo Aeronavale)?

Col. Pilota G. MINUTOLI : Non nascondo una certa commozione, non disgiunta al contempo dalla soddisfazione di non essermi mai risparmiato dal favorire sempre una dialettica improntata all’intelligente confronto e stimolo, salvaguardando comunque l’imprescindibile e talvolta doloroso rispetto delle regole e facendo sempre sentire la mia voce e la mia presenza nei delicati contesti operativi, con diretta onerosa assunzione di responsabilità…sebbene, come son solito affermare, stando con i piedi sotto la scrivania,ma pur sempre al termine di quasi quattro decenni dedicati al volo operativo,quindi in contesti connotati da comprensibili,oltre che ben noti e/o prevedibili e spesso,purtroppo,anche imprevedibili) alti rischi e sollecitazioni molto estenuanti.

S. PARATORE: Allude ad un qualcosa di particolare?

Col. Pilota G. MINUTOLI: Certo! Intendo che sono gli equipaggi delle unità navali, come degli elicotteri, che mi pregio rappresentare, a conseguire i risultati di servizio in mare, come in aria, rischiando di persona la propria incolumità, come quella delle persone con le quali per motivi istituzionali devono gioco forza, volta per volta, confrontarsi, siano essi criminali da perseguire, siano disperati da sottrarre ad una facile brutta fine che il mare sino ad oggi non ha, purtroppo, disdegnato riservare loro. Mi viene, in proposito, in mente cio’ che spesso ricorda il mio primo collaboratore – Tenente Colonnello Antonino DONATO – :”A MARE CI SIETE: VOI,LA VOSTRA PREPARAZIONE E DIO!”.L’Ufficiale, e cio’ è un altro punto di vanto per la cittadinanza – che mi collabora nella veste di Capo Ufficio Comando e mi sostituisce nel comando nei periodi di assenza – è messinese come me…anzi, per la precisione, Ganzirrese come me!

S.PARATORE: Ganzirri, che ha sfornato quindi un esperto pilota ed un comandante di unità navali, giusto?!

Col. Pilota G. MINUTOLI: Ganzirri che ha dato i natali anche a due amici (ci separa quasi un decennio anagrafico, ma ci conosciamo da quasi quarant’anni)…due servitori dello Stato leali, corretti e rispettosi tra loro…gelosi, anche custodi, delle locali tradizioni e degli antichi e nobili valori…

S.PARATORE :Forse per questo al Gruppo Aeronavale di Messina si respira aria di famiglia?!

_V9A5719 Col. Giuseppe Minutoli Comandante del GAN Guardia   di Finanza di MessinaCol. Pilota G. MINUTOLI :Anche per questo…Il servizio aeronavale della Guardia di Finanza, è connotato, come ho poc’anzi affermato, da particolari insidie, rischi e pericoli…e soltanto un necessario affiatamento consente la giusta predisposizione degli animi al diuturno sicuro assolvimento dei molteplici rischiosi adempimenti…non disdegnando, financo, ogni sorta di sacrificio e disagio…Pur di ritrovarsi, tra il sorriso ( e talvolta anche il pianto liberatorio) a dirsi:”anche stavolta ce l’abbiamo fatta…anche stavolta abbiamo fatto piu’ del nostro dovere!”. Ed anche a tal fine, Nino DONATO ed io, ma amerei piu’ dire l’intero Gruppo Aeronavale di Messina deve farsi garante quotidiano di un quanto più possibile sereno svolgimento dei compiti istituzionali…si da rimanere costante punto di riferimento, oltre che esempio…specialmente per gli uomini e donne della Stazione navale di Manovra di Messina, della Sezione Aerea di Manovra di Catania e della 2^ Sala Controllo Operativo di Lampedusa – Reparti ed articolazioni dipendenti – che nelle Persone del Tenente Colonnello Vincenzo Cellammare, Capitano Raffaele CAROTENUTO e Sottotenente Leonardo Gnoffo, oltre che nei rispettivi staff,trovano,tra l’altro,intelligenti interpreti del pensiero che ispira,per l’appunto, il lavoro quotidiano del Reparto che mi Onoro servire,al pari dell’Istituzione e della Patria.

S. PARATORE : Colonnello, ritenendo dover, quindi, darci appuntamento al prossimo momento celebrativo degli Eroi del G.AN., non mi resta che congedarmi da Lei con convinti complimenti ed il sincero augurio che La Madonnina del porto di Messina continui ad accompagnarVi…Sempre e Comunque!

Col. Pilota G. MINUTOLI: Cosi’ sia…Grazie a nome di tutto il Gruppo Aeronavale!