Incentivi all’occupazione; venti milioni di euro a favore delle aziende calabresi. E’ quanto previsto dal bando sul credito d’imposta presentato dall’assessore Stillitani. L’assessore regionale al lavoro, formazione professionale e politiche sociali, Francescantonio Stillitani ha presentato a Vibo Valentia, il bando sul credito d’imposta. All’incontro con la stampa ha preso parte anche il direttore generale del Dipartimento Bruno Calvetta.

Con questa azione, la Regione Calabria metterà a disposizione delle aziende calabresi, attraverso l’utilizzo dei fondi comunitari, venti milioni di euro, finalizzati alla creazione di posti di lavoro stabili per persone svantaggiate o molto svantaggiate. Un intervento reso particolarmente interessante attraverso alcune caratteristiche mai messe in campo finora in Calabria, ovvero la sottoscrizione di un accordo da parte della Regione Calabria, del Ministero del Lavoro e del Ministero delle Finanze che garantirà una maggiore automaticità del finanziamento, attraverso la decurtazione sul modello F24 degli importi messi a finanziamento.

Il credito d’imposta infatti, darà la possibilità ai datori di lavoro – che hanno già assunto del personale senza alcuna agevolazione, nel periodo compreso tra il 14 giugno 2011 e il primo giugno 2012 (data di pubblicazione del Decreto interministeriale del 24 maggio 2012) – di poter scontare attraverso l’F24, il 50% del costo lordo del lavoratore, per uno o due anni. Il bando, prevede infatti che qualora l’aumento del numero dei dipendenti a tempo indeterminato riguardi lavoratori “molto svantaggiati”, il credito d’imposta è concesso nella misura del 50% dei costi salariali sostenuti nei ventiquattro mesi successivi all’assunzione. Questo particolare tipo d’intervento pubblico, obbliga inoltre i titolari delle imprese a conservare i posti di lavoro creati per un minimo di due anni nel caso delle piccole e medie imprese, mentre gli altri tipi di aziende dovranno rispettare tale obbligo per un minimo di tre anni.

Per partecipare al bando a sportello, già pubblicato sul Burc, bisognerà inviare le domande a partire dalle ore 8.30 di venerdì 20 luglio, secondo le modalità indicate nel suddetto avviso pubblico, entro e non oltre il 14 settembre. Entro trenta giorni, successivi alla data di scadenza, sarà pubblicato l’elenco dei datori di lavoro ammessi agli incentivi, i quali, da quel momento automaticamente potranno detrarre l’importo dell’agevolazione attraverso il modello F24.

“Attraverso questo importante intervento – ha sottolineato Stillitani – prevediamo di poter incentivare fino a 1.500 lavoratori svantaggiati o molto svantaggiati. Per come previsto nell’accordo con il Ministero, in questa prima fase saranno avvantaggiate le assunzioni avvenute nel periodo sopra indicato, successivamente sarà emesso un altro bando che incentiverà le assunzioni avvenute dal due giugno 2012 in poi. Le risorse messe a disposizione, si aggiungono ai 130 milioni di euro che saranno a disposizione della regione con la rimodulazione del POR e che serviranno per emanare ulteriori bandi. Stiamo cercando anche con l’aiuto del partenariato sociale e del mondo sindacale di prevedere tutto un ventaglio di incentivi, diversi uno dall’altro, che possano effettivamente corrispondere alle esigenze delle aziende, per creare un’occupazione che sia il più stabile e duratura possibile. Il meccanismo del credito d’imposta che avviamo con questo bando a mio parare è quello più semplice e automatico e che meglio risponde alle esigenza dei datori di lavoro che vogliono tempi certi nell’erogazione degli incentivi”.

ragione calabria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


otto − 6 =