“Dopo gli inusuali temporali degli ultimi giorni, l’Italia è in attesa dell’arrivo di un’ondata di calore africana”. A dirlo è il meteorologo Francesco Nucera ”Una massa d’aria rovente, di estrazione sahariana rafforzerà una bolla anticiclonica che si impadronirà della Penisola nel weekend. Saranno soprattutto le regioni centromeridionali e le Isole ad essere maggiormente penalizzate dalla canicola. L’ondata di calore, che durerà per 5/6 giorni, raggiungerà il suo apice a cavallo tra il 9 e l’11 luglio. Nulla di eccezionale – aggiunge Nucera – si tratta di una normale ondata di calore tipica di questo periodo”.

 

 

”Su Marche, Romagna, Isole maggiori, zone interne di Lazio, Campania, Toscana, Lucania, Calabria e Puglia, le temperature potranno risultare elevate, sino verso i 35/37 gradi. Ma – continua Nucera – non escludiamo picchi sino a 38/40 gradi, specialmente in Sardegna, tra le regioni più esposte ai venti di Scirocco. Lungo le coste la calura sarà mitigata dalle brezze anche se il clima risulterà più afoso. Afa in Valpadana, temporali sulle Alpi. Al Nord sarà invece l’elevato tasso di umidità a creare disagio, specie in Valpadana e sulla Riviera Ligure dove la ‘temperatura percepita’ sarà di 38/40 gradi. Avremo invece tempo più instabile sulle Alpi con rovesci e temporali che dai rilievi coinvolgeranno anche le pianure limitrofe. Non si escludono fenomeni di forte intensità”.

L’ondata di caldo, comunque, a detta dei meteorologi, non dovrebbe durare a lungo. A partire dalla metà del mese l’anticiclone africano batterà ritirata, almeno al Centro Nord, permettendo l’arrivo di fresche correnti settentrionali che daranno luogo a rinfrescanti temporali. Al Sud e sulle Isole invece, la situazione rimarrà invariata: sole e gran caldo, anche se più attenuato rispetto ai giorni precedenti.

Ilfattoonline.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


7 + cinque =