progetto-punta-stiloIl progetto “Vino De.co Guardavalle di Guardavalle” dell’ Associazione “Punta Stilo” diventa condiviso: il Comune di Bivongi abbraccia l’ idea.

La festa di S.Martino appena trascorso ha fornito l’ occasione ideale. Due gli appuntamenti realizzati: il primo presso la sala consiliare del comune di Guardavalle, il secondo nella struttura destinata a diventare il “Centro enologico” di Bivongi.

All’ incontro-dibattito ospitato in Palazzo S. Agazio (Guardavalle) erano presenti : il sindaco di Guardavalle Giuseppe Ussia , l’ assessore con delega alla Cultura del comune di Bivongi , l’ enologo Cosimo Murace e l’ agronomo, presidente dell’ Associazione Punta Stilo Francesco Quaranta.

degustazione

L’oggetto del dibattito è stato in modo particolare la condivisione del progetto, l’ importanza di distinguere due Comuni che si impegnano per la promozione , la realizzazione e lo sviluppo dello stesso progetto.

Un progetto ambizioso quello che porta avanti l’Associazione Punta Stilo che mira al recupero e ad un importante sviluppo del vitigno Guardavalle nel territorio d’ origine. Nel suo intervento Francesco Quaranta ha fatto il quadro della situazione della produzione agricola calabrese confrontandola con il resto d’ Italia e dell’ Europa. Evidenziando i potenziali enormi del territorio calabrese e i percorsi da intraprendere, esprimendo soddisfazione per la riuscita dell’ intesa con il Comune di Bivongi.

sommelier-origlia

Prettamente tecnico, invece, l’intervento dell’enologo Cosimo Murace titolare dell’omonima azienda che ha descritto le caratteristiche del vigneto Guardavalle e la storia all’interno dell’ area geografica della Doc di Bivongi.

Il lungo pomeriggio si è concluso con una degustazione del vino Guardavalle bianco secco curato dal sommelier Vincenzo Origlia.

La stessa iniziativa è stata riproposta a Bivongi , in cui era presente anche Francesco Coniglio presidente della Proloco del Comune di Bivongi; in entrambe la sedi la partecipazione è stata apprezzabile.

La collaborazione tra i due Comuni e le associazioni coinvolte rappresentano un importante tassello nel puzzle del progetto di “ Punta Stilo”. Un progetto che ha come obiettivo la valorizzazione del territorio a 360° dall’aspetto agroalimentare a quello paesaggistico e culturale. Una “mission” che guarda lontano, intreccia reti in maniera efficace e che tra i prossimi traguardi individua la produzione del primo spumante con metodo classico fatto in purezza.

sindaco-ussia-guardavalle-assessore-passarelli-bivongiUna attività avviata, nata dalla collaborazione del Dott. Agr. Francesco Quaranta con il collega e maestro di cantina Daniele Manini, responsabile della storica azienda vitivinicola Doria di Montalto Pavese, specializzata nella produzione di vini spumanti. Un progetto sperimentale che punta a rilanciare la viticultura locale e a produrre sul territorio il primo spumante calabrese al 100%

Un disegno in cui crede anche l’ amministrazione comunale di Guardavalle che ha offerto in comodato d’uso all’associazione diversi ettari di terreno per impiantare l’omonimo vitigno.

Intanto l’associazione anticipa informazioni in merito alla produzione di un vino spumante realizzato con metodo classico, con cui brindare nelle prossime feste natalizie. Ovviamente frutto del vitigno Guardavalle vinificato in purezza.