scopellitiIl Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti e la Vicepresidente Antonella Stasi hanno illustrato il piano crocieristico 2013. All’incontro erano presenti, inoltre, l’Assessore all’internazionalizzazione Luigi Fedele, il Direttore generale del Dipartimento Turismo Raffele Rio, il Direttore dell’Ufficio marittimo regionale Gaetano Martinez e il Segretario generale dell’Autorità Portuale Gioia Tauro Salvatore Silvestri.

La Regione Calabria ha avviato una proficua interlocuzione con i cruiser operator più importanti su scala mondiale per promuovere i porti e accrescere i traffici e le presenze turistiche nel nostro territorio. Nelle quattro realtà portuali individuate dal “Masterplan Portuale”, redatto dalla Regione, per l’anno 2013 sono previsti 15 approdi crocieristici. L’attracco di 15 navi secondo le stime condurrà in Calabria 7000 passeggeri raddoppiando, di fatto, i risultati ottenuti nel 2012 con 8 navi e 3000 passeggeri. Nel dettaglio, nel 2013 nel porto di Corigliano sono in programma 3 scali (due dei quali sono già stati effettuati nel mese di marzo). Nel porto di Crotone è previsto l’arrivo di 10 navi. Un approdo nel porto di Tropea ed uno nel porto di Vibo Valentia. Sono in via di definizione, inoltre, ulteriori accordi per ampliare la presenza di navi anche negli altri scali regionali. La Regione sta creando le condizioni per accrescere la propria presenza nel mercato crocieristico, potenziando l’offerta delle strutture portuali. In virtù dei contatti avviati per vendere la “destinazione Calabria” in giro per il Mondo e delle sinergie istituzionali messe in campo sul territorio la Regione si propone l’obiettivo di far arrivare sulle coste calabresi 50/80 mila passeggeri entro i prossimi tre anni, puntando in particolare sulle cosiddette navi “di nicchia” che offrono tour tematici. Questo segmento è particolarmente appetibile poiché composto da turisti una volta sbarcati, hanno una capacità di spesa di gran lunga superiore a quella dei crocieristi delle navi di massa.

stasi antonella“Il valore e l’importanza di questa iniziativa rappresenta un elemento di grande novità nel settore del turismo – ha dichiarato il Presidente della Regione Scopelliti – il calendario che abbiamo presentato costituisce uno dei segmenti messi in campo per cercare di recuperare significative presenze turistiche nella nostra regione, valorizzando i quattro porti individuati per gli approdi di navi da crociera. Nel 2012 abbiamo avuto 3000 presenze, passeremo a circa 8000 quest’anno. L’obiettivo è arrivare a 50.000 entro il 2016, grazie ad accordi già avviati con le compagnie che gestiscono le grandi navi da crociera. C’è comunque un dato certo, legato agli accordi già conclusi per il 2013. Il settore della crocieristica – ha aggiunto il Presidente Scopelliti – rientra in quel piano strategico del turismo che abbiamo messo in campo ed è la dimostrazione concreta della credibilità e della capacità della politica calabrese di portare dei risultati. Abbiamo avviato un percorso importante per il nostro territorio, emerso anche dalla partecipazione all’ultima fiera di settore, nel corso della quale siamo andati a promuovere il pacchetto Calabria, insieme all’Autorità Portuale, registrando apprezzamento e condivisione da tutti i soggetti con in quali abbiamo avuto modo di confrontarci. Siamo sulla strada buona – ha concluso il Presidente Scopelliti – anche perché, fuori dalle logiche demagogiche, avremmo la possibilità, come già si può riscontrare con gli arrivi già previsti, di avere significative presenze di turisti che visiteranno la nostra regione”.

“Rispetto al 2012 – ha dichiarato la Vicepresidente Antonella Stasi – abbiamo raddoppiato le presenze di navi nei nostri porti. Quello che vogliamo evidenziare, inoltre, è questa azione intensa da parte della Regione nel settore del turismo, che ci possa consentire di migliorare il trend di arrivi in Calabria, proseguendo quell’azione sinergica, con tutti i soggetti coinvolti, che ci ha consentito, ad oggi, di poterci accreditare positivamente con tutti i più importanti soggetti, pubblici e privati, che operano nel mercato della crocieristica. I quattro porti crocieristici, individuati nel ‘masterplan della portualità calabrese’, hanno già delle infrastrutture in grado di poter ospitare diverse tipologie di navi. La Regione – ha concluso la Vicepresidente Stasi – sta lavorando, altresì, per migliorare i servizi a terra, con un’attenta azione di coordinamento con le istituzioni locali, Capitanerie di Porto, Provincie e Camere di Commercio, seguendo modelli già sviluppati dai grandi porti turistici italiani”.

“Registriamo da tempo – ha dichiarato il Segretario Generale dell’Autorità Portuale di Gioia Tauro, Salvatore Silvestri – una grande sinergia istituzionale che ci sta consentendo di raggiungere positivi risultati, dando spazio a tutti i soggetti che operano sul territorio. Per conto nostro, come Autorità Portuale, stiamo procedendo ad entrare nel circuito di MedCruise che ci potrà garantire un ulteriore passo in avanti in questo settore”. m.v.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


sette × 4 =