Comunicato stampa del Partito dei Comunisti Italiani di Messina. Di seguito il testo integrale: <<“Messina sta vivendo una terribile crisi. E’ come stare in guerra e, in guerra, non ci possono essere sconti per alcuno. Chi più ha, più paghi!”. Il Partito dei Comunisti Italiani, l’Associazione Agorà e l’Associazione Ecologia Solidale comunicano che lunedì 19 novembre alle ore 12.30 incontreranno il Commissario del Comune dott. Luigi Croce per discutere della drammatica situazione politico-sociale della città.

 “Il Comune è sull’orlo del baratro, Messina sta vivendo una terribile crisi occupazionale con livelli di criticità e di rischio sociale davvero drammatici, la disoccupazione in aumento, i dipendenti comunali e quelli delle società partecipate rischiano la riduzione dello stipendio, i lavoratori dei servizi sociali assieme a quelli dell’Atm senza retribuzione da ormai troppi mesi vanno incontro alla possibile perdita dei posti di lavoro e, non sono ultimi, i commercianti e gli artigiani che non sanno più come sbarcare il lunario”.

 “Riteniamo doveroso fornire un costruttivo contributo per una celere soluzione dei problemi che attanagliano i cittadini – dichiara Antonio Bertuccelli, segretario provinciale del Partito dei Comunisti Italiani -, partendo dall’assunto che non si possono opprimere i soliti noti. E’ come stare in guerra e, in guerra, non ci possono essere sconti per nessuno. Chi più ha, più paghi! Messina e i messinesi hanno già dato e sono stanchi di continuare a dare”.

 “Abbiamo discusso con le associazioni e, assieme a loro, – continua Bertuccelli – chiederemo al Commissario Croce di rivedere gli assetti delle concessioni pubbliche, comprese quelle delle aree cittadine adibite al trasporto marittimo, per le quali è necessario bandire un concorso europeo per la gestione di tale attività, inserendo la clausola della partecipazione pubblica, e destinando gli utili a beneficio della comunità”.  Una conferenza stampa sarà programmata allo scopo di informare la cittadinanza sugli esiti dell’incontro e sugli eventuali sviluppi.>>

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 + = nove