L’inizio del nuovo anno è sempre un’occasione per tirare le somme. Tante cose sono successe nell’anno 2012 nel nostro territorio. Notizie, fatti di cronaca e di politica e soprattutto di un’emergenza rifiuti “acuta” che ha caratterizzato l’ultimi giorni del vecchio anno. Noi abbiamo pensato di dare i “numeri”. Cifre che raccontano com’è e come cambia il nostro paese. Ma andiamo per ordine.

Secondo dati forniti dall’Istat il totale della popolazione residente a Guardavalle al 1° Gennaio 2011 è 4929 abitanti; di cui 2389 maschi e 2540 femmine. Una curva demografica che nel corso di un decennio ha mostrato una lenta discesa. Ad esempio, nel 2002 i residenti iscritti all’anagrafe comunale erano 5320 contro i 5117 del 2006. Per completare il quadro che illustra la situazione socio-demografica di Guardavalle bisogna aggiungere inoltre, qualche dettaglio sullo stato civile dei residenti.

In linea con il resto della Nazione, nel nostro paese il matrimonio religioso continua ad essere la scelta più diffusa tra le coppie. In particolare, i maschi coniugati ammontano a 1201 mentre le donne sono 1234. Invece,in controtendenza con il resto del Bel Paese, Guardavalle registra un tasso di natività positivo.

I dati Istat relativi, al mese di giugno 2012 riportano per l’anno ormai alle spalle, un numero di nascite, cioè 4, che supera il numero dei decessi, per l’esattezza 3. In pratica,nonostante il saldo migratorio e la tendenza ad avere meno figli continuiamo a crescere…

Jenny Pasquino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


cinque × = 5