Nicola Lucifero, candidato alle scorse elezioni amministrative nella lista “Patto Civico per Guardavalle”, ha espresso il suo rammarico per lo stato attuale del turismo nella marina di Guardavalle (Cz). Lucifero ricorda con nostalgia gli anni ’70, quando la località era un fiorente centro turistico, con lidi pieni di vita e una spiaggia vasta e accogliente. Oggi, purtroppo, la situazione appare ben diversa, caratterizzata da un evidente degrado.

“Chi è nato negli anni ’70, e non solo, certamente ricorderà il boom turistico della marina di Guardavalle”, afferma Lucifero. I ricordi di quei tempi sono vivi nella mente di molti, con lidi animati e una spiaggia grandissima. Tuttavia, la realtà odierna mostra solo macerie, un contrasto stridente con il passato glorioso.

Lucifero sottolinea l’importanza di non lasciarsi sopraffare dalla “memoria corta di pochi” che potrebbe offuscare i ricordi collettivi di generazioni passate. Invita gli operatori turistici e gli amministratori comunali a rinfrescare la propria memoria e a ripercorrere con lo stesso entusiasmo e voglia di fare quegli anni straordinari. Secondo lui, pochi episodi negativi non dovrebbero condizionare una comunità turistica ricca di ricordi positivi.

Il politico evidenzia come l’erosione costiera e il degrado della spiaggia siano segni di una mancanza di risolutezza e decisionismo da parte della politica locale e degli operatori turistici. Si domanda se i chioschi possano davvero sostituire gli stabilimenti balneari degni di questo nome e teme che l’estate 2024 possa essere un’altra stagione da dimenticare.

Lucifero lamenta l’assenza di una programmazione estiva per il 2024. “Non ho visto e letto alcuna programmazione estiva per il 2024! Quali gli eventi? La solita abbuffata della melanzana?” si chiede ironicamente. Per lui, è essenziale fare tesoro degli errori passati, dei ritardi e delle incompiute, e iniziare già ora a programmare l’estate 2025.

Con un tono deciso, Lucifero dichiara: “Per quest’anno siamo ormai fuori tempo massimo. L’acqua non c’è e la mxxxa galleggia!” Le sue parole riflettono una forte preoccupazione per la gestione delle risorse idriche e dei sistemi di depurazione, aspetti fondamentali per il turismo e la vivibilità della comunità.

Lucifero conclude con un appello alla comunità e ai suoi leader: è necessario agire ora per risollevare Guardavalle e restituirle il prestigio turistico di un tempo. La programmazione di eventi, la realizzazione di opere pubbliche, e la gestione efficiente di acqua e depurazione devono essere le priorità per il futuro prossimo.