ussia pino1Il Sindaco di Guardavalle Giuseppe Ussia, tramite la sua pagina Facebook, rivolgendosi al Consigliere di minoranza nicolantonio Montepaone, evidenzia che <<In riferimento all’interrogazione protocollata in data 19.05.2015  N° 2244, che si allega in copia, si precisa che la lettura dei contatori dell’acqua per l’anno 2014 si è finita in un periodo adeguato, poiché il nostro territorio è molto vasto e le numerose periferie e contrade hanno causato agli operatori addetti alla lettura dei contrattempi.
Dalla relazione ricevuta dal Responsabile del Servizio Finanziario (che allego in copia), non mi pare che si possa parlare di bollette errate e penalizzanti per la popolazione che, si vedono sommati due annualità, lo sono forse per tutte quelle persone che negli anni passati non hanno permesso agli operatori di prendere le letture nelle proprie case e nelle periferie ed ora si ritrovano una somma elevata da pagare.>>
<<In merito alla correzione di alcuni importi verso diversi cittadini, – continua il primo cittadino – Le comunico che questi utenti fanno parte di un elenco di 810 cittadini per il quale è previsto un rimborso che gli Uffici hanno quantificato in 38.000,00 euro, che come Lei dovrebbe conoscere, provengono dall’errato aumento retroattivo delle tariffe a seguito di dichiarazione di dissesto finanziario.
Tali tariffe sono state in seguito adeguate dall’attuale Amministrazione Comunale, previo parere rilasciato dal Ministero dell’Interno. Le comunico inoltre che l’Ufficio Tributi è disponibile a tutti i cittadini, soprattutto a quelli che, come dice Lei sono stati penalizzati con una disparità di trattamento per qualsiasi chiarimento e verifica su possibili discordanze e altro, ma fino alla data odierna non abbiamo avuto tutte queste lamentele che Lei giustamente evidenzia nella Sua interrogazione.>>

Allegato:  Interrogazione Montepaone acqua

Articoli correlati:

– Guardavalle (Cz). Nuova interrogazione per Ussia da parte di Montepaone

Unitamente a quanto sopra, Ussia sottolinea, inoltre, che <<In riferimento all’interrogazione protocollata in data 20.04.2015 N° 1853, si comunica che la convenzione di tesoreria con la Banca Carime è scaduta il 31.12.2009 e successivamente si è continuato con proroghe concordate.
La banca Carime ha comunicato ,allo scopo di consentire l’espletamento delle procedure di aggiudicazione necessarie all’individuazione del nuovo tesoriere che presterà il servizio di tesoreria sino al 31.03.2015.
Si comunica alla S.V. che il responsabile del servizio finanziario con Determina N° 4 del 26.03.2015 ha predisposto determina a contrattare e approvazione bando di gara con relativo disciplinare per l’affidamento del servizio di tesoreria comunale.>>