guardavalle ussia salerno consiglioDi seguito il verbale di deliberazione n. 44 del Consiglio Comunale tenutosi in data 30 dicembre 2013. <<Il Presidente del Consiglio da parola al consigliere Caristo Giuseppe per relazionare. Prende la parola il consigliere Caristo il quale informa il Consiglio Comunale che occorre approvare il Piano delle Alienazioni e valorizzazioni anno 2014 in quanto è un atto obbligatorio del Piano di Riequilibrio anch’esso all’esame del Consiglio di questa sera. Afferma che il Piano per il 2014 sicuramente verrà integrato con l’inserimento di altri immobili, come ad esempio terreni di proprietà comunale, per cui si rinvia ad una prossima discussione in modo da approfondire meglio tale tematica.

Prende la parola il consigliere comunale Montepaone il quale dice di essere rimasto perplesso dopo aver visionato la proposta agli atti del Consiglio, in quanto si tratta di un Piano striminsito e che sicuramente poteva recepire altri immobili per dare respiro alle casse comunali e fronteggiare la situazione debitoria dell’Ente. Preannuncia per tale motivazione astensione dal voto.

guardavalle consiglio purri montepaonePrende la parola il consigliere di minoranza Purri Antonio il quale leggendo la scheda agli atti del Consiglio rileva che già l’Amministrazione in carica con il Sindaco Tedesco Giuseppe, di cui lui faceva parte, aveva previsto l’alienazione degli immobili e sottolinea la esiguità dell’azione portata avanti dall’Amministrazione affermando che così facendo non potranno mai ridursi i tributi comunali in quanto le entrate derivanti dalle dismissioni previste sono di modesta entità. Conclude preannunciando per tali motivazioni astensione dal voto.

Riprende la parola il consigliere Caristo il quale ribadisce che si tratta di un allegato al Piano di riequilibrio ex art. 243 bis del TUEL e che si è preferito agire con cautela anziché prevedere una serie di immobili per poi non alienarne nemmeno uno, soffermandosi sull’eccezionalità della delibera di questa sera.

Prende la parola il consigliere Tedesco Antonio il sottolinea l’importanza del lavoro svolto dall’attuale maggioranza per far tornare questo Comune nella normalità di natura finanziaria. Evidenzia la differenza che esiste tra essere cittadini e consiglieri comunali affermando che i primi si esprimono con le parole mentre i secondi con l’espressione del voto. Dice che entrambi gli esponenti del gruppo di opposizione, anche se in maniera diversa, non hanno contribuito a fare venir fuori il Comune di Guardavalle dalla illegittima dichiarazione di dissesto, affermando che il consigliere Purri ha mantenuto una posizione di astensione dalla votazione mentre il consigliere Montepaone ha votato contro. Conclude il proprio intervento dicendo che la minoranza ha perso una grande occasione e preannuncia voto favorevole.

guardavalle ussia salerno tedesco segretario consiglio

Il Consiglio Comunale richiamati:

– il decreto legge n. 112 del 25 giugno 2008, convertito con legge n. 133 del 06 agosto 2008, che all’art. 58, rubricato “Ricognizione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di regioni, comuni e altri enti locali”, al comma 1 prevede che per procedere al riordino, gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di regioni, province, comuni e altri enti locali, ciascun ente con delibera dell’organo di governo individua, redigendo apposito elenco, sulla base e nei limiti della documentazione esistente presso i propri archivi e uffici, i singoli beni immobili ricadenti nel territorio di competenza, non strumentali all’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione, redigendo il piano delle alienazioni immobiliari da allegare al bilancio di previsione; – il successivo comma 2, che prevede che “l’inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile e ne dispone espressamente la destinazione urbanistica; … (omissis) … ;

Dato atto:

– che l’art. 42, comma 2, lett. 1) T.U.E.L. 267/2000 prevede che l’organo consiliare ha competenza, fra l’altro, in materia di acquisti e alienazioni immobiliari, relative permute, appalti e concessioni che non siano previsti espressamente in atti fondamentali del consiglio o che non ne costituiscano mera esecuzione e che, comunque, non rientrino nell’ordinaria amministrazione di funzioni e servizi di competenza della giunta, del Segretario o di altri; Con voti favorevoli sei e due astenuti ( Purri Antonio e Montapaone Nicolantonio);

Delibera:

 1. di approvare l’allegato Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari per l’anno 2014 come adottato con deliberazione della Giunta Comunale N. 80/2013;

2. di dichiarare con voti favorevoli sei e due astenuti (Purri Antonio e Montepaone Nicolantonio), la presente immediatamente esecutiva.>>

Elenco Documenti (2)
– Delibera approvazione CC44 – Approvazione piano alienazione
– Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


8 + = tredici