Quest’anno la Meter & Miles ha voluto caratterizzare gli appuntamenti natalizi legandoli alla mancanza di lavoro e alla disgregazione dello Stato sociale. Amministrare questa Città eludendo i problemi delle tante famiglie dei lavoratori senza più lavoro è pura follia. Dai dipendenti della ditta Schipani a quelli della Feluca. Dalla Triscele alla Servirail. Dalla Atm a Messinambiente. Ai tantissimi precari,ai lavoratori a ore e in nero. Così come la disperazione della comunità senegalese che, dopo oltre venti anni vissuti con grande dignità in questa città, viene da qualche tempo respinta e collocata ai margini.

Gli indicatori dai quali vogliamo partire sono quelli utilizzati dal dossier del quotidiano “Sole 24 ore ( pubblicati lo scorso 5 dicembre). In particolare le analisi che riguardano “Affari & Lavoro”.

Partendo da quella che viene definita “percezione della gravità” attribuita al problema lavoro vediamo che Messina risulta al 109° posto ( penultimo). Cioè il valore di preoccupazione dei cittadini,ovviamente,raggiunge un 74,9 contro il 3,6 di Bolzano.Ciò la dice lunga sull’instabilità, “l’infelicità” e il pessimismo dei messinesi.

In dettaglio questi i dati che riguardano la nostra provincia.

– Ricchezza prodotta – Pil pro capite 17,959 euro – 85° posto

– Depositi per abitante – valore 1,131 – 77° posto

– Importo medio pensione – euro 578,35 – 83° posto

– Spesa pro capite – euro 744,86 – 90° posto

– Indice costo della vita – valore 2,42 – 98° posto

– Costo casa mq. – euro 2.300 – 64° posto

IL tenore di vita rispetto a questi 6 indicatori pone Messina al 105° posto in graduatoria si 107 Province.

Ruolo del Terzo Settore e strategie delle pubbliche amministrazioni,legalità, sono le altre “finestre” che vorremmo aprire in questo forum.