DSCF0577La Direzione Investigativa Antimafia di Reggio Calabria – a seguito di una proposta di applicazione di misura di prevenzione personale e patrimoniale formulata dal Direttore della D.I.A., Arturo De FELICE – ha dato esecuzione ad un decreto di confisca di beni emesso dal Tribunale di Reggio Calabria – Sez. Mis. di Prev., nei confronti di De Marte Ferdinando Fortunato Maria, 50enne di Rizziconi (RC), facoltoso imprenditore operante nel settore della produzione, raffinazione e commercio dell’olio d’oliva nella piana di Gioia Tauro nonché nel settore immobiliare.

 Lo stesso risulta essere stato, altresì, uno dei soci della DEVIN – società che ha costruito il noto centro commerciale “Porto degli Ulivi” in Rizziconi (RC) – successivamente ceduto ad una società estera – e già oggetto di vicende giudiziarie che hanno visto coinvolta, in particolare, la cosca “Crea” operante in quel territorio.

 Nei confronti del De Marte, sin dalla fine degli anni ‘80 ad oggi, plurime indagini svolte dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria, Taurianova (RC), Gioia Tauro (RC) e Catanzaro e dai Carabinieri di Rizziconi (RC), avevano evidenziato che alcune società del gruppo De Marte erano soltanto delle “cartiere create ad hoc” al fine di emettere fatture per operazioni inesistenti e/o per ottenere indebiti contributi comunitari.

  A seguito di una articolata attività di indagine patrimoniale, condotta dal Centro Operativo della D.I.A. di Reggio Calabria e volta a verificare le modalità di acquisizione dell’ingentissimo patrimonio societario e personale riconducibile all’imprenditore, nello anno 2011 era già stato sottoposto a sequestro preventivo l’ingente patrimonio del De Marte.

  Con il provvedimento adottato a carico del De Marte è stata disposta la confisca del patrimonio riconducibile al medesimo, stimato in circa 20 milioni di euro, tra cui figurano, in particolare:

 il patrimonio aziendale di sette società con sede in Rizziconi e Gioia Tauro (RC), di cui quattro operanti nel settore oleario e tre nel settore immobiliare ed edilizio;

  • 25.000 mq di terreno, di cui circa 15.000 di natura edificabile, siti in Rizziconi (RC);
  • un fabbricato sito a Rizziconi (RC);
  • disponibilità finanziarie aziendali e personali ammontanti a quasi un milione di euro.

 Il Tribunale Sez. Mis. ha sottoposto altresì il De Marte alla misura della sorveglianza speciale di P.S. per la durata di tre anni con obbligo di soggiorno nel comune di dimora.

(Direzione Investigativa Antimafia Centro Operativo di Reggio Calabria)