municipio-giarreSono pervenuti nei giorni scorsi due Decreti, emessi il 12 luglio 2018 dall’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, di assegnazione e trasferimento  al patrimonio indisponibile del Comune di Giarre  di terreni e di un immobile confiscati a seguito dell’esecutività di una Sentenza della Corte di Cassazione del 7 giugno 2016.

In particolare trattasi di beni ubicati nella zona collinare di Giarre e consistenti in terreni per complessivi  mq 7.919 confiscati nella quota di 1/2;  di un immobile per complessivi mq 51 e vani 2,5 confiscato nella misura di 1/2 e di altri porzioni di terreni confiscati nella misura di 3/60 e 9/54.

Detti beni sono stati assegnati al Comune di Giarre a seguito di una Delibera di Giunta Comunale n. 141 del 29/12/2017 con la quale è stata approvata un’apposita manifestazione di interesse da parte dell’Amministrazione Comunale di Giarre per l’acquisizione di beni ai fini di un’utilizzazione per finalità sociali.

IL Sindaco Angelo D’Anna ha così commentato: “L’Amministrazione Comunale ha voluto avvalersi delle opportunità fornite dalla legislazione vigente per destinare beni confiscati ai fini di utilità sociale e contribuire a dare attuazione ad  un principio di legalità”.

Gli step successivi riguarderanno la consegna formale dei beni a conclusione della definizione delle procedure inerenti la divisione dei cespiti, una relazione sullo stato di attuazione della procedura e la definitiva deliberazione della Giunta Comunale di specificazione dell’utilizzo del bene confiscato.

Inoltre, nella giornata odierna, il Sindaco ha anche firmato un richiesta di accesso alla specifica piattaforma per ottenere l’assegnazione di beni mobili confiscati alla criminalità organizzata.

Mediante tale procedura – ha dichiarato il Sindaco Angelo D’Anna – intendiamo procedere per acquisire nel patrimonio del Comune beni mobili quali autocarri, automobili, mezzi movimento terra etc,  per destinarli ad un uso quotidiano al servizio della Città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 2 = tre