ruspa giampilieriLa decisione presa dopo che sono uscite allo scoperto alcune imprecisioni nella perimetrazione delle aree verdi. I tecnici saranno accompagnati dagli abitanti del posto per sondare personalmente la situazione e garantire il rientro a casa. Dopo la firma da parte del Primo Cittadino per le quattro ordinanze che revocavano lo sgombero di 450 unità immobiliari di Giampilieri, arriva ora la notizia che cominceranno al più presto (se ne parla ormai la settimana prossima) dei sopralluoghi individuali, ovvero quelli da fare casa per casa, singolarmente. A lavoro dunque i tecnici dell’ufficio del soggetto attuatore e dell’ufficio commissariale per cancellare ogni imprecisione nella perimetrazione delle cosidette “aree verdi”. Infatti, alcune abitazioni restano inagibili, e dunque inabitabili, per la presenza del fango o per l’assenza dei servizi primari.

normanno.com