calabròMessina. “Abbiamo iniziato la campagna elettorale dicendo ORA BASTA, un grido d’indignazione di fronte al disastro ed alle macerie lasciate dalla passata amministrazione. Adesso concludiamo dicendo: SI’ MESSINA. L’unica maglia che vogliamo indossare è quella dei SI’ A MESSINA, perché il no, i no, hanno bloccato questa città”. E’ quanto ha dichiarato questa mattina in conferenza stampa Felice Calabrò, candidato sindaco del centro-sinistra, stilando un breve delle settimane di campagna elettorale, indossando una maglietta bianca con la scritta “Sì Messina”.

“Vogliamo fare le cose, dobbiamo fare le cose. Il no paralizza, il sì costruisce. Quindi sì al lungomare più bello d’Italia, via le navi dalla rada di San Francesco, via il tram dalla cortina del Porto. Sì alla città della cultura nella Fiera aperta a tutti. Sì a presidi sanitari efficienti nelle diverse zone di Messina, quindi a nord, a sud ed al centro. Sì alla città dell’accoglienza e dell’ospitalità. La nostra priorità sono gli ultimi e gli invisibili, è a loro che dobbiamo garantire una Messina nuova, diversa, che non chiude le porte e non fa chiudere quei centri che sono stati finora, grazie alle migliaia di volontari, gli unici punti di riferimento per le fasce più fragili e più deboli.”

Felice Calabrò si è poi soffermato su queste settimane di campagna elettorale con iniziative nei villaggi, nelle piazze, nelle parrocchie, al fianco della gente.

“Voglio ringraziare quanti finora mi sono stati accanto in questa campagna esaltante, coinvolgente e mi riferisco allo staff, agli organizzatori, ai candidati, agli amici della coalizione, agli assessori designati. Ho sempre detto che è la campagna del “noi”, ed è quello che adesso voglio sottolineare: la mia forza è stata proprio questa, l’essere una squadra, un “noi”, che crede nello stesso progetto.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


− 5 = quattro