Enna – Il Questore di Enna, dott. Ferdinando Guarino, ha emesso il D.A.S.P.O. nei confronti del giocatore dell’ASD PICANELLO che il 7 ottobre si è reso protagonista di comportamenti violenti sul terreno di gioco del campo sportivo di Valguarnera. Come è noto, i fatti che hanno dato luogo al provvedimento questorile hanno destato un certo clamore in tutta la Provincia, oltre ad aver avuto una consistente eco sugli organi di stampa.

In particolare, in data 7 ottobre 2012, presso lo stadio comunale “Sant’Elena” di Valguarnera Caropepe, comune alle porte di Enna, era in programma l’incontro di calcio tra la formazione locale ed una squadra di Catania, valevole per il campionato regionale dilettanti di Promozione.

Al 12° minuto del primo tempo, subito dopo la notifica del provvedimento disciplinare di espulsione del capitano della squadra ospite da parte del direttore di gara, l’atleta, nell’abbandonare il terreno di giuoco, recandosi verso la panchina della “Valguarnerese”, sferrava un pugno al volto dell’allenatore avversario, il quale perdeva l’equilibrio e cadeva a terra.

Il gesto provocava la reazione dei giocatori locali contro quelli ospiti; l’arbitro era costretto ad espellere, per le numerose intemperanze, molti giocatori.

La gara, sia per le numerose espulsioni, che per evitare ulteriori provvedimenti e reazioni, veniva definitivamente sospesa dal direttore di gara.

L’intervento immediato dei militari dell’Arma presenti sul posto e, successivamente, in ausilio, dei sopraggiunti agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Piazza Armerina, evitava conseguenze ulteriori.

Il calciatore, con il suo gesto, oltre a scatenare la forte reazione di quasi tutti i tesserati presenti sul campo e dei tifosi che hanno invaso il terreno di giuoco, ha messo in forte pregiudizio l’ordine e la sicurezza pubblica.

La giustizia sportiva ha inflitto pesanti sanzioni nei confronti dei suddetti tesserati e delle rispettive Società calcistiche, in particolare al capitano della squadra ospite, comminandogli 5 giornate di squalifica, “per atto di violenza nei confronti di un avversario, nonché per avere colpito con un violentissimo pugno ad uno zigomo un tesserato avversario, dopo l’espulsione”.

Il solo repentino intervento delle FF.OO., infatti, ha evitato gravi conseguenze.

Per quanto accaduto, e sulla base del contenuto dell’informativa redatta per l’A.G. dalla Stazione Carabinieri di Valguarnera Caropepe, il Questore di Enna si è determinato per l’applicazione del divieto di accedere alle manifestazioni sportive per 5 anni, limite massimo temporale previsto dalla norma, aggravato dall’obbligo, ex art. 6, comma secondo, della legge 13.12.1989 n. 401, di comparire presso il Commissariato di P.S. competente per territorio al 20° minuto di ogni tempo allorché si disputa un incontro della propria squadra.

Il G.I.P. presso il Tribunale di Enna, letta l’istanza del p.m. cui è stata inoltrata la richiesta del Questore, ha convalidato il provvedimento emesso nei confronti del giocatore, inibendogli per cinque anni, l’accesso ai luoghi ove si svolgono competizioni calcistiche della propria squadra e, in generale, del Campionato Nazionale Dilettanti.

La funzione di tali prescrizioni è quella di assicurare l’osservanza da parte dell’interessato del provvedimento di divieto di accesso alle manifestazioni sportive, precludendo al soggetto sottoposto a DASPO la possibilità di presentarsi o avvicinarsi allo stadio o negli altri luoghi specificatamente indicati, durante lo svolgimento delle competizioni sportive per le quali è disposto il provvedimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


7 − sei =